[INTERVISTA] Jason Isaacs sul messaggio di Star Trek Discovery e le peculiarità del Capitano Lorca |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

domenica 24 settembre 2017

[INTERVISTA] Jason Isaacs sul messaggio di Star Trek Discovery e le peculiarità del Capitano Lorca


Alla premiere di Star Trek: Discovery, Jason Isaacs ha parlato del messaggio che vuole lanciare la serie e di cosa rende il Capitano Lorca diverso da tutti i suoi predecessori.





L'importanza di dare un messaggio


Jason Isaacs è noto per esprimersi sempre in modo schietto e sincero. Gli è stato chiesto se secondo lui Star Trek: Discovery è una serie con un messaggio e ha risposto così:

Se non avesse un messaggio, non varrebbe la pena farla. Sarebbe solo come un adesivo da carrozzeria.


Su quale sia questo messaggio, dice:

Penso che sia una storia brillante, ben raccontata, con personaggi interessanti, sorprese, colpi di scena e una trama solida. In maniera subliminale lancia il messaggio che in futuro non saremo giudicati sulla base del nostro sesso, o razza, o specie, o tendenza sessuale, o una qualsiasi di queste cose. Le persone saranno giudicate dalle loro azioni, da quello che dicono e da come lavorano insieme. Credo che sia un messaggio importante da dare oggigiorno, dove le persone cercano invece lo scontro, l'odio e le divisioni.


Perché Lorca evita la poltrona del Capitano


A giudicare dalle varie clip promozionali di Discovery, pare che il Capitano Lorca non si sieda mai sulla sua poltrona. Isaacs spiega perché:

Nei primi episodi non mi ci siedo praticamente mai. In parte perché ci sono vari scontri con altre navi e preferisco dirigere le armi come un direttore d'orchestra, in piedi di fronte allo schermo visore... e in parte è dovuto al fatto che il momento in cui ci si siede su quella poltrona è così iconico che lo sto risparmiando.

Cosa differenzia Lorca dai capitani delle altre serie


L'attore ha voluto sottolineare perché Lorca è un capitano anomalo rispetto ai suoi predecessori:

E' diverso rispetto agli altri capitani; anche la situazione in cui opera è differente. Siamo in guerra e c'è qualcosa di passivo nel restare seduti sulla poltrona di capitano. Lui è un uomo d'azione. Vuol fare le cose... stare seduto sulla poltrona non è un atteggiamento sufficientemente attivo, per lui.




Fonte: TrekMovie






Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!

Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?