Dietro le quinte di "Star Trek: Discovery": creature aliene |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

domenica 29 aprile 2018

Dietro le quinte di "Star Trek: Discovery": creature aliene

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Escludendo i Klingon e Saru, non abbiamo incontrato molte creature aliene nella prima stagione di Star Trek: Discovery; tuttavia quelle che ci hanno mostrato rappresentano un'interessante combinazione tra classici rivisitati e specie del tutto inedite.

Il blog The Trek Collective ci propone oggi una carrellata di immagini che gli attori della serie hanno condiviso sui social, dopo essere stati trasformati in esseri a dir poco esotici.


La prima foto arriva direttamente dall'account Instagram di Discovery e mostra i busti di alcuni alieni realizzati per la serie, ovvero Saru, un paio di Klingon (c'è anche l'elmetto), un Tellarita, ed un Crepusculano.


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


A proposito di Tellariti, eccone uno dal vivo immortalato dall'autrice Bo Yeon Kim:


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Il make-up artist Glenn Hetrick ha commentato così il look dei Tellariti in un'intervista rilasciata a TrekMovie il mese scorso:

[Realizzare i Tellariti era] un compito arduo, se pensate a com'erano nella Serie Classica. Ne abbiamo visto delle versioni fantastiche in Enterprise, dove hanno trovato un modo molto figo per farli evolvere. C'erano appena dei piccoli aggiustamenti, piccoli particolari. Noi siamo tornati al concept originale e ci siamo chiesti come fare a tentare di catturare quel "qualcosa", che trasmette l'originale, senza però dargli lo stesso aspetto. Così sono andato a studiarmi il lavoro di Stan Winston per il film L'isola perduta, con Val Kilmer. Una pellicola quasi dimenticata. Comunque, lì si vedono un sacco di forme antropomorfe, bellissime teste di animali ed è da lì che abbiamo tratto l'ispirazione.


Anche gli Andoriani hanno ricevuto il loro aggiornamento in Discovery, con l'aggiunta di piccole protuberanze all'altezza delle sopracciglia sui personaggi più importanti. Tuttavia, come dimostrano queste foto scattate dalle autrici Erika Lippoldt e Bo Yeon Kim, molti degli Andoriani rimasti sullo sfondo presentano ancora il classico look "liscio" (probabilmente per risparmiare il trucco extra):


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Un' altra specie simbolo della Serie Originale tornata in Discovery è quella degli Orioniani. Eccone un paio in pausa pranzo in questa foto stata scattata dal produttore esecutivo Aaron Baiers:


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Possiamo documentare anche un caso di selfie orioniano, realizzato dall'attrice Bree Wasylenko:


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Probabilmente non è possibile apprezzarlo da queste foto, ma il make-up degli Orioniani è molto curato ed è stato realizzato con più sfumature di una semplice colata di fondotinta verde, come ha spiegato il truccatore James MacKinnon a TrekMovie:

[Il trucco degli Orioniani] è composto da quattro colori che vanno spruzzati e stuccati sulla pelle, per renderli vividi e con una loro profondità. Perciò non è mai un solo tono di blu, o di verde, o di un qualsiasi altro colore prevalente su un personaggio, perché bisogna considerare che la telecamera cattura ogni minimo dettaglio.


Passando dagli alieni classici a quelli inediti, quanti di voi hanno notato sul ponte di comando della Discovery la presenza occasionale di un alieno dalla testa enorme? Il suo nome è Osnullus ed un particolare della sua maschera lo si può vedere anche nel dietro le quinte della seconda stagione pubblicato recentemente da CBS.

La prima immagine è tratta dal l'ultimo numero del Make-Up Artists Magazine, dedicato proprio a Star Trek: Discovery. Le altre foto sono state invece distribuite dagli Alchemy Studios di Hetrick e mostrano il lavoro preparatorio per realizzare non solo la testa ma anche le mani di Osnullus:


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Personalmente sospetto che Osnullus possa essere nato per sfruttare in qualche modo il concept originale per l'aspetto di Saru, poi scartato.

Se leggiamo la descrizione riportata da Buzzfeed sulla prima versione di Saru, così come la voleva l'ideatore della serie Brian Fuller, si intuisce che i Kelpiani dovevano avere una testa molto grande:

Saru aveva 10 occhi che si spandevano a ventaglio lungo tutta la testa. Questo complicato design doveva essere tenuto insieme da un elmetto da indossare sotto il trucco, che però continuava a scivolare ogni volta che [Doug] Jones abbassava lo sguardo.


Sia la scomodità della maschera, sia il costo (i restanti 8 occhi andavano animati digitalmente ad ogni ripresa), sia il fatto che persino un attore esperto in personaggi alieni come Doug Jones avrebbe finito per scomparire completamente sotto quel tipo di trucco, convinsero la produzione a cercare un'altra idea.

L'autrice Bo Yeon Kim ha condiviso su Twitter la sua personale interpretazione del Saru originale (e forse qualche somiglianza con Osnullus in effetti c'è):




Altra new entry di Discovery sono stati i Crepusculani che abbiamo visto nell'episodio pilota.

L'artista Christian Cordella ne ha mostrato una versione alternativa, dai colori più accesi rispetto a quelli utilizzati nella versione definitiva nei costumi di Gersha Phillips. Questo alieno molto particolare è stato interpretato dal contorsionista Bonnie Morgan.


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Ma la forma di vita aliena forse più importante, introdotta nella prima stagione della serie, è stato il Tardigrado gigante realizzato interamente in CGI.

Curiosamente, per esigenze pratiche con le riprese, la produzione ha realizzato e si è servita di un paio di cartonati a grandezza naturale della creatura. Eccoli nelle foto di Bo Yeon Kim e del regista  e produttore Olatunde Osunsanmi:


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Non sappiamo se sia un'aliena o no, ma anche l'ufficiale della Shenzhou Jira Narwani indossa una maschera, o per meglio dire un elmetto.

Stando alle informazioni contenute nel romanzo di David Mack intitolato Desperate Hours, si tratta di un elmetto tattico che permette a Narwani di avere una visione a realtà aumentata dell'ambiente circostante e delle funzioni della nave. L'azienda WKFX, che ha realizzato questo oggetto di scena e ha condiviso la foto seguente, si riferisce al personaggio chiamandola "ragazza chiocciola":


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


La capo pittrice della WKFX, Meaghan Lynch, ha condiviso le immagini di questo oggetto in due versioni: normale e danneggiata:


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Restando a bordo della U.S.S. Shenzhou, ecco qui il resto dell'equipaggio in uno scatto condiviso dall'attrice protagonista Sonequa Martin-Green. Il personaggio più a sinistra si chiama Troke. Nel romanzo Desperate Hour viene stabilito che si tratta di un Tuliano, una specie parente dei Boliani ma con la fissazione per gli impianti cibernetici.


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Concludiamo questa carrellata con un paio di incontri tra L'Rell e Saru documentati da Mary Chieffo: la prima foto mostra i due personaggi in pausa pranzo (le maschere che indossano non gli permettono di mangiare cibi solidi, quindi la produzione gli fornisce frullatoni energetici); nella seconda foto il terzo incomodo è lo showrunner della serie, Aaron Harberts:


DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

DSC, Discovery, Curiosità, Photo Gallery, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Ed infine, tra una sessione di trucco e l'altra, Saru ha fatto amicizia anche con il Klingon Kol interpretato da Kenneth Mitchell, a cui si deve questo video:




Fonte: TheTrekCollective




Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!


Articoli che potrebbero interessarti