Intervista a Wallace Shawn, il Grande Nagus Zek di Star Trek: Deep Space Nine |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

mercoledì 4 aprile 2018

Intervista a Wallace Shawn, il Grande Nagus Zek di Star Trek: Deep Space Nine

Deep Space Nine, Ds9, Ferengi, Grande Nagus, Intervista, Wallace Shawn, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Il 21 marzo 1993 veniva trasmesso l'episodio Nagus per un giorno di Star Trek: Deep Space Nine in cui ha fatto la sua prima apparizione il Grande Nagus Zek, interpretato dal drammaturgo-autore-produttore-attore Wallace Shawn.

Shawn ha interpretato l'astuto Ferengi in sette episodi della serie, uno a stagione e il sito ufficiale StarTrek.com l'ha raggiunto per chiedergli di raccontare questa esperienza a venticinque anni di distanza.


E' stata una sorpresa essere contattato per DS9?

Ero completamente esterrefatto perché non ho mai neanche avuto una TV, quindi non ero certo un esperto della serie. D'altro canto, passando molto tempo negli alberghi, capitava di fare zapping e finire su Star Trek; penavo: "Oh si, questo è quello che mi piace molto visivamente." Era The Next Generation. Quando la guardavo mi dicevo: "Wow, che bella fotografia. Così affascinante. E poi ha questi personaggi interessanti e gli alieni." Perciò, quando mi hanno chiesto di fare DS9, non stavo nella pelle. Mi piaceva molto l'idea.


Deep Space Nine, Ds9, Ferengi, Grande Nagus, Intervista, Wallace Shawn, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


L'episodio in cui è apparso la prima volta è stato trasmesso il 21 marzo 1993, ovvero venticinque anni fa. Che effetto le fa?

Per me il tempo ha smesso di avere significato. Ma mi sembra che ne sia passato tanto perché lo ricordo quasi come un episodio della mia giovinezza, in un certo senso.


Deep Space Nine, Ds9, Ferengi, Grande Nagus, Intervista, Wallace Shawn, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Il personaggio era un Ferengi particolare, astuto e divertente ma anche saggio. Quanto si è divertito ad interpretarlo?

Recitare in quel mondo, dietro una maschera, mi ha dato una sensazione di libertà che non avevo mai provato prima e non ho provato più neanche dopo. Mi sentivo totalmente libero ed è stata un'esperienza felicissima. Però è stata anche molto, molto pesante fisicamente e non avrei potuto reggerla a ritmi più serrati. Una volta all'anno, come ho fatto, per me era praticamente perfetto. Ma rimanere intrappolato come minimo 12 ore dentro quel testone, senza contare le tre ore necessarie a realizzare il makeup ed un'altra ora per toglierlo, era un tantino pesante, scomodo e faticoso. Se dovevi grattarti la fronte, non potevi.


Deep Space Nine, Ds9, Ferengi, Grande Nagus, Intervista, Wallace Shawn, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Quindi il personaggio è apparso solo una volta a stagione per sua richiesta, per via della scomodità del makeup? Gli autori l'avrebbero voluta più spesso sul set o era già previsto che apparisse solo una volta all'anno?

Credo che fosse una volontà precisa degli autori e dei produttori. Ha funzionato piuttosto bene. Sono stati loro a stabilire quante volte dovessi tornare.


Com'è stato lavorare con gli altri del gruppo Ferengi, Armin Shimerman (Quark), Max Grodenchik (Rom), Tiny Ron (Maihar'du), Cecily Adams (Ishka) ed Aron Eisenberg (Nog)?

Adoravo quelle persone. Non credo di aver mai visto Tiny Ron senza trucco. Cecily era davvero incantevole e amabile. Armin l'ho visto in seguito, subito dopo, e mi pare fosse senza trucco. Credo anche di aver visto Max senza la maschera. Ma in larga misura conosco queste persone solo come Ferengi. Con Max ed Armin i nostri rapporti erano da Ferengi a Ferengi; ci lanciavamo solo qualche strana occhiata a vicenda, senza il trucco. La verità è che la realtà sembrava per certi aspetti meno reale della finzione.


Deep Space Nine, Ds9, Ferengi, Grande Nagus, Intervista, Wallace Shawn, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Lei è apparso in sette episodi. Ce n'è uno o una scena in particolare per la quale si ritiene più soddisfatto?


Il primo episodio è quello in cui viene inventato il personaggio. La morte simulata è stato uno straordinario colpo di scena. Gli autori hanno creato il personaggio e fondamentalmente ho avuto giusto qualche secondo per capire come interpretarlo, basandomi sul copione. E poi c'era la questione del trucco: sottopormi a quel processo la prima volta è stato un momento indimenticabile.

Ricordo anche che, forse proprio il primo giorno di riprese, scese da su un dirigente - non so esattamente che ruolo avesse - che mi prese in disparte e mi disse: "Guarda, lo capisci che questo è un programma serio? Star Trek non è una commedia." Non sono state le sue esatte parole, perché non le ricordo più, ma mi ha fatto intendere che stavo facendo troppo il buffone. Che non era vero, perché non era in linea con lo show. Siccome, come ho detto, non ero un esperto della serie dato che non avevo neanche la TV, non l'ho mai avuta, non avevo mai neanche visto un episodio per intero della serie, questa cosa mi lasciò molto confuso. Lo dissi al regista: "Wow, un tizio dei piani alti mi ha detto questa cosa ed ora io non so più che fare." Ma lui mi ha risposto: "No, mi piace moltissimo quello che stai facendo quindi continua a farlo così." E meno male, perché altrimenti davvero non avrei saputo come fare.


Considerando che le sue sette apparizioni sono spalmate in sette stagioni, si può dire che il Grande Nagus abbia veramente goduto di un arco narrativo completo. Ha anche iniziato delle riforme…

Oh, assolutamente. Capivo che gli autori si divertivano in modo particolare col mio personaggio quindi, quando mi hanno affiancato una compagna, una meravigliosa donna Ferengi, è stato un momento eccezionale. Gli autori avevano preso sul serio il personaggio e mi davano sempre del materiale fantastico, in ogni episodio in cui apparivo. Non erano episodi buttati lì, come ogni tanto capita in televisione. In ogni episodio dove ho recitato, c'era sempre qualcosa di affascinante da portare avanti. 


Deep Space Nine, Ds9, Ferengi, Grande Nagus, Intervista, Wallace Shawn, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Quando la gente la riconosce per strada, le chiede mai di parlare di Star Trek o di qualche altro personaggio? Le dicono mai: "Ehi, lei non è quello che ha fatto...?" oppure, "Mi è piaciuto molto in..." o ancora: "Mi è piaciuta molto la sua ultima commedia"?

Molto spesso no. Cioè, mi capita di parlare con molte persone mentre cammino per strada, di solito in modo amichevole. Ma alle volte non so neanche perché mi abbiano fermato, dato che faccio molte cose nella vita. Alcuni sono convinti che tu abbia fatto solo una cosa, quella che gli è piaciuta. Perciò mi fermano e mi fanno: "Il tuo film è bellissimo," ma io non ho idea di cosa stiano parlando. I fan di Star Trek però sono un gruppo particolare. E' un insieme di persone dal buon cuore, che in molti casi ha sperimentato un qualche tipo di disagio o di isolamento. Mi sa che Donald Trump non è un Trekkie. E' davvero un gruppo interessante di persone. Poi c'è anche da dire che senza trucco non assomiglio al Grande Nagus; avevo addosso davvero una quantità incredibile di makeup, quindi solo chi ha visto attentamente la serie può riconoscermi. I fan di Star Trek vedono e rivedono gli episodi un'infinità di volte e oggigiorno è anche più semplice, visto che Deep Space Nine è su Netflix ed ha attirato tutta una nuova fetta di fan.


Parteciperà al documentario di Ira Steven Behr sul dietro le quinte di DS9, What We Left Behind?

Assolutamente. Ira mi ha già fatto delle riprese per quel progetto e penso che sarà molto interessante e divertente, quando uscirà.


Deep Space Nine, Ds9, Ferengi, Grande Nagus, Intervista, Wallace Shawn, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Fonte: StarTrek.Com




Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!


Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?