WonderCon18: Jason Zimmerman ha supervisionato 5.000 riprese con effetti speciali in Discovery |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

venerdì 6 aprile 2018

WonderCon18: Jason Zimmerman ha supervisionato 5.000 riprese con effetti speciali in Discovery

effetti speciali, Enterprise, Intervista, Jason Zimmerman, WonderCon18, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Fra gli addetti ai lavori di Star Trek: Discovery che hanno partecipato alla WonderCon 2018 è intervenuto anche il supervisore degli effetti speciali della serie, Jason Zimmerman.

In un'intervista a margine dell'evento ha spiegato ai giornalisti come ha realizzato i numerosi effetti speciali che vediamo nella serie, inclusa la nuova USS Enterprise.


Reinventare l'Enterprise


E' stato facile concepire il nuovo approccio alla USS Enterprise o avete fatto molti tentativi?

Dal reparto artistico e dai designer della produzione è arrivato un sacco di materiale e di idee che hanno messo insieme. Hanno svolto una mole enorme di studi e ricerche per cogliere l'essenza di quella nave. A noi è arrivato un concept già piuttosto definito di come doveva apparire. Man mano che ci lavoravamo, i nostri modellisti continuavano a parlare direttamente con il reparto artistico per essere sicuri di aver capito tutto alla perfezione, il funzionamento di tutti gli elementi e in che modo fossero collegati.

Fortunatamente per me, uno dei ragazzi col quale ho lavorato al modello è un super fan di Star Trek. Poter contare sulle sue conoscenze è stato un aiuto inestimabile, è andato da loro e gli ha chiesto: "Scusate, perché questa cosa ha questa forma? E da dove spunta?" c'è sempre una collaborazione fra dipartimenti artistici, ma con lui è stato tutto molto molto più facile.


effetti speciali, Enterprise, Intervista, Jason Zimmerman, WonderCon18, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Scene memorabili


C'è un modello o una scena in particolare di cui va più fiero?

Vado fiero di molte cose in questa serie. Ci sono molti elementi che, penso, appaiano bene sullo schermo. Nel primo episodio mi piace la scena in cui [Michael Burnham] vola verso l'artefatto Klingon. Ci sono un sacco di belle inquadrature lungo tutta quella sequenza. Mi piace anche la vista su Vulcano nel sesto episodio; ne sono molto orgoglioso perché abbiamo inserito tanti piccoli particolari in una sequenza così breve. Nel decimo episodio, con Jonathan Frakes, abbiamo realizzato un sacco di roba forte. E poi c'è l'episodio quindici, dove arriva l'Enterprise. Lì ho pensato: "Ok, ho finito, ora posso pure andare in pensione."


C'è stato qualcosa di difficile realizzazione o che non è venuto fuori perfettamente bene?

Non è proprio che ci siano cose difficili da realizzare, ma dipende tutto dal mettersi d'accordo sul modo migliore per girare una sequenza. Per esempio, girare una scena in assenza di gravità: è più facile a dirsi che a farsi. Stiamo parlando di simulare l'assenza di gravità attraverso un gioco di funi, ma le funi subiscono anche loro la gravità. Lì bisogna trovare il modo di girare la scena per farla sembrare verosimile, come molto bene è stato fatto nel film Gravity.


effetti speciali, Enterprise, Intervista, Jason Zimmerman, WonderCon18, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Effetti speciali cinematografici, ma non al centro della storia


Come si svolge il suo lavoro per un episodio tipo?

Si comincia dalla sceneggiatura, la leggiamo e cominciamo a porre molte domande. Ci riuniamo con i capi dipartimento, con  Aaron [Harberts], Gretchen [J. Berg], Akiva [Goldsman] e parliamo con loro per capire esattamente cos'hanno in mente, dove dobbiamo osare di più con gli effetti visivi e dove invece non servono. Fatto questo, cominciamo ad organizzare il nostro lavoro e stiliamo una lista delle riprese. Le realizziamo e cominciamo insieme a fare il montaggio e ad inserire gli effetti speciali nel montaggio. Le cose poi evolvono alla grande: all'inizio c'è solo una scritta che dice "Mettere qui astronavi che passano" e alla fine la scena diventa l'Enterprise che si avvicina alla Discovery.


Quante riprese con effetti speciali ci sono mediamente ad episodio?

Varia molto da puntata a puntata. Se consideriamo la stagione, ce ne sono almeno 5.000 [in totale], quindi come un film per il cinema.


E' quello l'obiettivo? Dare alla serie l'aspetto di un film?

Certamente deve avere effetti speciali di alta qualità ma, alla fine, con [i produttori esecutivi] Aaron, Gretchen, Akiva, e Alex quello che conta è la storia. Se per raccontare quella storia bastano 10 riprese con effetti speciali, vanno bene 10. Se ne occorrono 500, gliene diamo 500. Non siamo noi a spingere la storia, aiutiamo solo a raccontarla. Questo ci aiuta a non fossilizzarci in un certo modo di fare le cose e inoltre ci permette di prendere una boccata d'aria, di tanto in tanto.


effetti speciali, Enterprise, Intervista, Jason Zimmerman, WonderCon18, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


E' mai successo che abbia detto "no" ad una scena, per via dei tempi troppo stretti?

No, non potrebbe succedere perché ne parliamo prima. Non è mai un "no". Piuttosto è parlare con tutti quanti, capire esattamente cosa vogliono, quanto tempo abbiamo a disposizione e partire da lì.


Qual è la scena con effetti speciali che avete dovuto processare più volte?

E' divertente, magari penserai che si tratta di una di quelle scene con inquadrature molto ampie... ma se non sbaglio, era solo un monitor del computer. Non so perché, ma continuavamo a cambiare gli elementi grafici.


effetti speciali, Enterprise, Intervista, Jason Zimmerman, WonderCon18, TG TREK Star Trek News Novità Notizie



Fonte: TrekMovie




Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!


Articoli che potrebbero interessarti