[RUMORS] CBS vuole ancora produrre nuove serie di Star Trek? |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

sabato 16 giugno 2018

[RUMORS] CBS vuole ancora produrre nuove serie di Star Trek?

CBS, CBS All Access, Nicholas Meyer, Khan, Discovery, Viacom, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Nonostante i guai in cui si trova CBS a causa del difficile negoziato con Viacom e l'incredibile licenziamento dei due showrunner di Discovery proprio a ridosso della campagna promozionale per gli Emmy Awards, le recenti rivelazioni del regista Nicholas Meyer sull'esistenza di un altro progetto televisivo legato a Star Trek confermano che la saga di Gene Roddenberry rappresenta davvero un asset strategico per CBS (e la sola Discovery potrebbe non bastare…)


CBS, CBS All Access, Nicholas Meyer, Khan, Discovery, Viacom, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Nicholas Meyer
Ricapitolando: durante un discorso all'Università della California, Meyer ha espressamente detto di essere stato ingaggiato da CBS per realizzare una "trilogia indipendente" di Star Trek:

La stavo preparando per CBS All Access… ma in questo momento CBS è in guerra con Paramount/Viacom. […] Rimarrà tutto congelato fino a quando non risolveranno la questione della fusione societaria.





Le parole di Meyer sono state riportate dall'autore Alvaro Zions-Amaro (nominato ad un Hugo Award) presente alla conferenza. Il blog TrekMovie ha avuto modo di verificarne la veridicità, tuttavia CBS non ha confermato l'esistenza di questo progetto.


Un progetto Khancellato?


Abbiamo sempre detto che, in teoria, tornare alla situazione pre-2005 (quando cioè CBS era ancora parte di Viacom e non esisteva una separazione netta fra i film ed i telefilm di Star Trek) porterebbe indubbi vantaggi in un mondo in cui - al confronto di colossi del calibro di Time Warner, Disney e Netflix - CBS e Viacom da sole sono ben poca cosa. Inoltre, ricongiungere le due metà del canon lascerebbe ad autori e produttori la libertà di sfruttare a pieno ogni elemento della saga.

A sentire Nicholas Meyer, la prova contraria l'abbiamo davanti agli occhi: la separazione delle due major ed il loro mancato ricongiungimento hanno messo il bastone fra le ruote al suo progetto.

Certo, indipendentemente dagli esiti delle trattative, i lavori procedono ugualmente tanto in casa CBS con la produzione della seconda stagione di Star Trek: Discovery (in questi giorni è in produzione il 5° episodio) quanto in casa Paramount (società del gruppo Viacom), dove si prospettano nel prossimo futuro non uno, ma ben due nuovi film di Star Trek.

Quindi, per quale motivo CBS avrebbe dovuto piantare i freni su una possibile nuova serie o miniserie Trek televisiva, in attesa di capire quale sarà l'esito delle contrattazioni?


CBS, CBS All Access, Nicholas Meyer, Khan, Discovery, Viacom, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Nicholas Meyer


Una possibile spiegazione è che nella "trilogia indipendente" di cui ha parlato Meyer si faccia riferimento a trame o personaggi visti o citati nei film di Star Trek, attualmente in mano a Paramount.

La cosa costituirebbe in effetti un ostacolo non da poco che anche la produzione di Star Trek: Discovery deve continuamente cercare di aggirare. Le parole di Bo Yeon Kim, una delle autrici della serie, non lasciano spazio a dubbi o interpretazioni:

C'è un problema coi diritti, non possiamo usare niente di quello che s'è visto al cinema e ci viene ricordato continuamente. E parliamo di TUTTI i film del franchise, perché appartengono tutti a Paramount, non a CBS.


Per mesi, la teoria più in voga fra i fan è stata che Meyer stesse lavorando ad un prequel di Star Trek II: L'Ira di Khan, ambientato su Ceti Alpha V. E' chiaro che Meyer, avendo scritto e diretto quel film, sarebbe la persona più indicata per raccontare i retroscena di quella storia e mostrare cos'è accaduto davvero a Khan Noonien Singh e al suo equipaggio durante l'esilio sul pianeta morente.

Il personaggio di Khan è apparso per la prima volta nell'episodio Spazio profondo della Serie Classica, quindi rientrerebbe pienamente sotto il controllo di CBS. Il problema però è che altri personaggi e molti elementi della storia sono stati introdotti solo col film del 1982, quindi ricadono inequivocabilmente sotto la gestione Paramount.


CBS, CBS All Access, Nicholas Meyer, Khan, Discovery, Viacom, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Khan e i suoi su Ceti Alpha V in una scena di Star Trek II: L'Ira di Khan


Tuttavia la prima volta che Nicholas Meyer ha fatto vagamente riferimento a questo progetto è stato a giugno dello scorso anno, quindi molto tempo prima che CBS e Viacom cominciassero a discutere di una riunificazione. Questo significa che potrebbero esistere altre motivazioni che spingono CBS ad aspettare gli esiti della trattativa con Viacom.


CBS è pronta ad offrire più contenuti originals ai fan di Star Trek?


Stando così le cose sembrerebbe che ci sia poco da festeggiare, ma in realtà c'è un lato positivo in tutta questa storia: se CBS ha commissionato a Meyer una nuova trilogia o miniserie, significa che sta considerando seriamente l'idea di affiancare agli episodi di Star Trek: Discovery nuovi contenuti Trek

Il CEO della compagnia non ha mai nascosto il ruolo chiave di Discovery nel decretare il successo della piattaforma streaming CBS All Access tuttavia, affinché il meccanismo non si inceppi, è fondamentale invogliare il pubblico pagante a rimanere abbonato al servizio sul lungo periodo, continuando a proporre contenuti originali esclusivi e sempre nuovi.

Salvo cambiamenti in corsa dettati dall'arrivo di un nuovo showrunner, la seconda stagione di Star Trek: Discovery sarà composta da 13 episodi, sufficienti a coprire un arco temporale di tre mesi. Ovviamente CBS vorrebbe che i fan di Star Trek mantenessero attivo il loro abbonamento tutto l'anno e per questo ha già in programma altre serie che potrebbero suscitare il loro interesse, come il reboot di Ai confini della realtà.


Video promozionale di CBS All Access per promuovere i contenuti originali della piattaforma


Ma la verità è che niente attira un fan di Star Trek più di… altro Star Trek; per il franchise non sarebbe neppure una novità: senza contare i film che dal 1989 al 2002 hanno sempre accompagnato le produzioni televisive, anche sul piccolo schermo ci sono stati periodi di convivenza più o meno lunghi fra le serie di Star Trek (The Next Generation e Deep Space Nine sono andate in onda contemporaneamente tra il 1993 ed il 1994. La stessa cosa è accaduta nel periodo 1995-1999 con Deep Space Nine e Voyager).

Un aspetto molto interessante in tutto questo è che anche il co-creatore, produttore e adesso showrunner di Star Trek: Discovery, Alex Kurtzman, ha paventato questa possibilità in tempi non sospetti. Eravamo ad agosto dell'anno scorso quando dichiarava a DigitalSpy:

CBS, CBS All Access, Nicholas Meyer, Khan, Discovery, Viacom, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Alex Kurtzman
[Una serie antologica è] una bella idea [...] ma credo che l'idea migliore sarebbe quella di mettere in produzione più serie di Star Trek.







Se molti indizi fanno una prova, è più che probabile che CBS stia davvero pensando di produrre altri contenuti originali marchiati Star Trek ma, se il problema vero non fosse costituito dalle grane coi diritti di produzione, la mia personale ipotesi è che alla base dello stop imposto a Meyer potrebbero esserci problemi di budget.

Star Trek: Discovery è una serie costosissima (secondo Variety, il costo di produzione di ogni episodio è di circa $ 8.000.000, se non qualcosa in più) e le ultime notizie parlano addirittura di uno sforamento non di poco conto causato dal primo episodio della nuova stagione che vedremo nel 2019.

CBS ha più volte chiarito che, per avviare la prima stagione della serie, questi fondi ingenti sono arrivati nelle sue casse in larghissima parte dall'accordo siglato con Netflix per la distribuzione internazionale della serie.

Non è difficile immaginare che in una situazione così complicata come quella in cui si trova adesso CBS (che ha citato in giudizio quella che è sostanzialmente una dei suoi proprietari, nel tentativo di bloccare la fusione con Viacom ottenendo in cambio una controdenuncia, e che ora deve anche ricompattare il gruppo di lavoro che si occupa di Discovery) aggiungere altre voci di spesa ed eventualmente siglare altri accordi con Netflix, senza prima avere la certezza di quale sarà il futuro assetto societario della compagnia, sarebbero operazioni dal tempismo pessimo…

Per assurdo, però, forse proprio l'annuncio di una nuova serie o miniserie di Star Trek potrebbe essere la strategia vincente per rimediare al danno d'immagine subìto in questi giorni, tranquillizzando così investitori, fan e giurati degli Emmy Awards.

Chissà che la grande convention di San Diego che si terrà la seconda metà di luglio non ci riservi qualche bella sorpresa, da questo punto di vista.



Fonte: TrekMovie




Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!


Articoli che potrebbero interessarti