[INTERVISTA] A scuola di regia "Trek" con Andrew Robinson |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

sabato 15 settembre 2018

[INTERVISTA] A scuola di regia "Trek" con Andrew Robinson

Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Nel corso delle ultime settimane, grazie alle interviste di StarTrek.Com, abbiamo ascoltato le esperienze di molti attori principali di Star Trek che si sono cimentati anche come registi.

Questa volta dice la sua un attore/regista che in Star Trek ha partecipato solo come personaggio ricorrente, ovvero Andrew Robinson (Garak in Star Trek: Deep Space Nine) che per DS9 ha diretto l'episodio 'Cercando il par'Mach in tutti i posti sbagliati' e per Star Trek: Voyager ha firmato la regia di 'La febbre del sangue' e 'Indimenticabile'.

Robinson ha concesso l'intervista al sito ufficiale giusto poco tempo fa, durante la grande convention 2018 di Star Trek a Las Vegas.


Prima di recitare in DS9, lei aveva già diretto per il teatro. Quando è nata l'idea di cimentarsi alla regia di Deep Space Nine e come si è proposto a Rick Berman?

Be', è una storia divertente. Non ero un personaggio fisso di DS9, però mi pagavano abbastanza bene da permettermi di pagare le bollette e cominciare a dirigere per il teatro, cosa che ho fatto con la mia compagnia. Subito, ho vinto un L.A. Drama Critics Award per 'Finale di partita' di Beckett e 'Il ritorno a casa' di Harold Pinter. Sono stato il primo a vincere due premi nello stesso anno, per due rappresentazioni diverse. Sapevo che il Los Angeles Times di L.A. mi avrebbe dedicato un bell'articolo così, la mattina che è stato pubblicato, ho chiamato Rick e gli ho detto: "Rick, dai un'occhiata al L.A. Times. Ah si, posso dirigere un episodio?"


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


E lui cosa ha risposto?

"Vieni qui e ne parliamo." E mi ha accordato una regia.


Gli attori diventati registi hanno prima di tutto dovuto frequentare questo corso di prearazione accelerato, promosso da Berman. Ci racconti un po' cosa ricorda di quell'esperienza.

Era come andare a scuola. C'erano registi come Les Landau che mi permettevano di assistere. Sono passato attraverso tutte le fasi di questo processo, dalle riunioni preliminari fino alla sala di montaggio. E' stato grandioso. Avevo già fatto qualcosa del genere in passato, infatti era un'idea con cui flirtavo già da un po' di tempo. Avevo un amico che faceva il regista e spesso l'osservavo lavorare. Ma il corso è stato molto più esaustivo. Les amava insegnare il mestiere, si sedeva accanto a te e ti diceva: "Ok, questo è così, questo è cosà, quello serve a questo, questo serve a quello." Davvero una persona ferrata, con un mare di esperienza. Lavorare con lui è stata un'esperienza inestimabile.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Qual è stata la sua prima reazione quando le hanno consegnato la sceneggiatura di 'Cercando il par'Mach in tutti i posti sbagliati'?

Una grande sceneggiatura. Credo che fosse di Ron Moore. Mi sono venuti i capelli bianchi perché, all'improvviso, era diventato tutto reale. Ma doveva accadere. Ho svolto tutti i miei compiti diligentemente, ho studiato la sceneggiatura ed ho preparato una lista delle riprese. E' andato tutto bene, anche se il primo giorno di riprese è stato anche il peggiore della mia vita.


Come mai?

C'era questo set enorme, una gigantesca sala Klingon. Non so cosa diavolo fosse di preciso, ma era grandissimo ed era costato un sacco di soldi. Dovevano usarlo, forse per dare un senso a questa spesa o cose così. Era uno spazio maledettamente cavernoso. Decisi, "Ok, girerò un campo lungo e poi entriamo col dolly." Jonathan West mi dà l'Ok e hanno impiegato tutta la mattinata per sistemare a dovere le luci. E' stata la mia inesperienza ma, chiaramente, per illuminare uno spazio così enorme ci vuole un mare di tempo, specialmente se vuoi fare tutto in un'unica ripresa partendo dal campo lungo fino a stringere sul duello di spade. E' stato orribile: il mio primo giorno mi trovavo già in ritardo sulla tabella di marcia di mezza giornata. Sono entrato nel panico, mi sono bloccato ed ho anche perso il senso delle angolazioni nella battaglia. C'ho messo molto più tempo.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Però è venuto fuori bene. Come ha recuperato?

E' venuto bene, è venuto bene. Ma avrei voluto mollare tutto, comunque. Quel giorno rimasi proprio traumatizzato ma per fortuna ho avuto il massimo supporto da tutti e l'abbiamo sfangata. Poi è accaduto un altro evento traumatico con la storia d'amore fra Worf e Jadzia. Avevano un rapporto conflittuale. Ira [Behr] mi aveva detto: "Facciamoli baciare, perché è una scena d'amore e alla fine le persone si baciano." Risposi: "Oh, certo, assolutamente." Be', non volevano baciarsi. Gli attori si rifiutorono di baciarsi. Ho girato una ripresa dopo l'altra, gli ho detto: "Ok, per favore, ora volete cazzarola baciarvi?". Non volevano baciarsi.


Pensavano che la relazione fra i loro personaggi non si fosse ancora sviluppata al punto tale da giustificare un bacio?

Penso di aver scottato il fatto di essere un novellino. Hanno pensato: "Si, be', invece di baciarci proviamo qualcosa di diverso. Facciamo un'altra cosa…" Ira era arrabbiatissimo con me: "Ma perché? Perché non li hai fatti baciare? Che cavolo, dovevano baciarsi." Gli ho detto: "Lo so, Ira, ma... cos'avrei dovuto fare? Puntargli contro una pistola e dirgli: BACIATEVI!". Comunque, ha funzionato senza il bacio. Parte del mio processo di apprendimento alla fine, quando l'episodio è stato completato ed è finito in sala montaggio, è stato quando Ira e Rick mi hanno convocato in ufficio. Per contratto dovevo girare un altro paio di episodi, di Voyager per l'esattezza, con la produttrice Jeri Taylor. Mi hanno fatto sedere e mi hanno detto: "Ok, ecco tutto quello che hai fatto male…" Ero lì, seduto, e mentre ascoltavo questo elenco mi sentivo come un bambino di cinque anni e pensavo: "Oh, Gesù". Ma se non avessi fatto quell'esperienza, se non avessi capito cosa avevo fatto bene e cosa no e - possibilmente - se non fossi già stato messo sotto contratto, quello sarebbe stato il primo ed ultimo episodio da regista per il sottoscritto.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Prima di passare agli episodi che ha diretto per Voyager, ci sono altri elementi interessanti da commentare sull'episodio di DS9…

Si, si. Una parte della storia riguardava Miles e Kira; lavorare con Colm e Nana è stato grandioso. C'era un po' di commedia ed un po' di Cyrano de Bergerac, tanti elementi in moto ma avevamo un grande cast, sia come attori regolari sia come attori ospiti, tipo Joe Ruskin, Phil Morris e Mary Kay Adams. Davvero attori meravigliosi.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Tralasciando la prima traumatica giornata di lavoro, si ritiene soddisfatto dell'episodio che ha girato nel suo complesso?

Mi piace quell'episodio. Quando l'ho visto ho pensato: "Ma sai che ti dico? Funziona bene." E' una storia un po' strana, accadono cose bizzarre ma va bene così. E' coerente con quell'universo narrativo. Mi convinceva finché non mi hanno convocato in quell'ufficio insieme ad Ira e Rick. Lì ho cominciato a pensare: "Oh, oh, oh." Però poi, quando sono uscito mi sono detto: "Va bene, forse ho sbagliato qualcosa, non ho girato la scena da quell'inquadratura o non ho colto quell'angolazione che avrei potuto sfruttare se avessi avuto più esperienza." Però, anche così, è una storia raccontata piuttosto bene e a me piace.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Il primo episodio di Voyager che ha diretto è stato 'La febbre del sangue': cosa ricorda di quell'esperienza?

Di tutti gli episodi che ho diretto, 'La febbre del sangue' è stato il migliore. Affrontava temi come la lussuria e l'ossessione e penso che abbia stuzzicato la mia libidine.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Quanto è stato difficile giostrarsi con il pon farr senza spingersi visivamente troppo oltre?


Be', ci siamo spinti fin dove ci è stato concesso; poi qualcuno mi ha detto: "Ok, non più di così." La storia parla di emozioni represse che vengono fuori, di quello che ci succede quando siamo preda della lussuria: la razionalità va a farsi benedire e faremmo qualsiasi cosa pur di soddisfare il nostro desiderio.


Come giudica la performance degli attori? Ad affiancare Dawson e McNeill c'era Alexander Enberg come ospite.

Adoro i ragazzi di DS9, potrei andarci in guerra con loro, ma anche il cast di Voyager si farebbe mettere sotto un camion per te. Mi hanno mostrato immenso rispetto. Erano più giovani ma incredibilmente propositivi, quando si trattava di affrontare un problema. Non mi sorprende che Roxann, Robbie e Tim [Russ] siano poi diventati dei registi. Mi piacciono un sacco quegli attori che, quando lavorano con te, ti dicono: "Sai, mi è venuta un'idea." Sono persone brillanti, quindi hanno sempre delle buone idee. Ti semplificano la vita e ti fanno sembrare più bravo: è stato Tim a suggerirmi quella bella ripresa del suo profilo, che mostra bene le orecchie a punta.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


E poi ha diretto l'episodio intitolato 'Indimenticabile'…

Virginia Madsen. Spero che stia bene, non la vedo da un sacco di tempo. Era dolcissima e vulnerabile, una persona molto aperta. Robert [Beltran] l'ha apprezzata tantissimo ed è stato molto fortunato ad averla come partner in quell'episodio. Anche lui è un bravo attore, non capisco perché non l'abbiano utilizzato di più. Hanno lavorato entrambi sodo su quell'episodio, Virginia e Robert, me lo ricordo bene. Rimasi piuttosto soddisfatto.


Andrew Robinson, Deep Space Nine, Ds9, Garak, Intervista, Voy, Voyager, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


I
n seguito lei ha lavorato come direttore del personale nella serie Judging Amy, però non ha più coltivato la carriera di regista: come mai?

Odiavo stare ore seduto a guadare i monitor, con gli autori ed i produttori che ti sussurravano all'orecchio: "Vuoi fare così… o vuoi fare cosà...? Vuoi farle dire la battuta così? Aspetta, no. Quella battuta lì: per quella battuta lì ci vorrebbe un'inflessione più comica." Gli spettacoli migliori sono quelli senza committente, dove c'è la visione di una sola persona, una sola persona che prende tutte le decisioni. Se cominci a fare cose insulse, una volta che sei dentro a tutto il processo… magari guadagni pure cifre favolose ma io dico "Al diavolo." Se devo dirigere, allora voglio dirigere per il teatro. Ho diretto ed insegnato alla USC per 14 anni, ed ora che ho smesso ho ripreso a recitare: ho appena partecipato ad un corto e ad uno spettacolo. 


***

Per approfondire, leggi gli altri articoli sulla scuola di regia "Trek" di Rick Berman e gli attori che l'hanno frequentata!



Fonte: StarTrek.Com


---

La sezione commenti arriva subito, dopo la pubblicità!

---





Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!


Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?