Star Trek Discovery: Scene tagliate, note di produzione, il debutto del nuovo Spock ed altre novità |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

venerdì 7 settembre 2018

Star Trek Discovery: Scene tagliate, note di produzione, il debutto del nuovo Spock ed altre novità

Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Al Fan Expo Canada di Toronto, oltre al panel con i membri del cast di Star Trek: Discovery, si è tenuto un incontro con alcuni dei professionisti che hanno contribuito alla creazione della serie lavorando dietro le quinte.

Per rispondere alle domande del pubblico, sono intervenuti Jody Clement (direttore artistico), Carly Nicodemo (assistente costumista), Gersha Phillips (costumista), Emilie Poulin (scenografa), Tamara Deverell (designer di produzione), Ryan Dening (illustratore) e Tim Peel (designer per le motion graphics).

Ovviamente la conferenza si poneva l'obiettivo di spiegare al pubblico come funzionano i meccanismi di una grande produzione come Star Trek: Discovery, ma è stata anche una buona occasione per scoprire molte altre curiosità sulla prima stagione, inclusa un'interessante scena tagliata dall'ultimo episodio.

In più, altri aggiornamenti sono arrivati in questi giorni dai social media ed abbiamo la conferma che Ethan Peck ha già girato la sua prima scena nei panni di Spock!


Conciliare la tecnologia moderna con quella della Serie Classica


Per buona parte del panel sono state mostrate immagini dei lavori svolti dai membri della squadra ma la parte interessante è arrivata al momento del botta-e-risposta con il pubblico, quando è stato chiesto in che modo riusciranno a conciliare la tecnologia del 1966 a bordo dell'Enterprise, con quella del 2018. La designer di produzione Tamara Deverell ha risposto così:

Bisogna dare ai fan qualcosa che sia al passo con i tempi rispetto alla tecnologia che abbiamo oggi. Per quanto possiamo adorare la Serie Classica ed i suoi set di cartone, penso che offrirvi la stessa cosa sarebbe altamente deludente oggigiorno. Perciò bisogna seguire il ritmo della contemporaneità e servirsi della tecnologia di cui disponiamo, con CAD, innesti, stampa COC e stampa 3D. Stiamo espandendo questo universo laddove nessuno è mai giunto prima.


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie


In ogni caso il direttore artistico Jody Clement fa notare che sono stati fatti dei tentativi di incorporare elementi della Serie Classica, nei nuovi design:

Li abbiamo incorporati nelle varie console, dove ci sono molte manopole ed interruttori accanto alla tecnologia del 2018: sono un'ode alla Serie Originale.


Forse il commento più illuminante su questo argomento lo ha fornito l'illustratore Ryan Dening, che ha spiegato di essersi ispirato più alla versione cinematografica della Serie Classica, che non a quella televisiva:

Vorrei aggiungere che, rispetto alla serie TV degli anni '60, tendo a prendere a modello molto di più i film della Serie Classica, specialmente Rotta verso l'Ignoto, che ha rappresentato il massimo avanzamento tecnologico di cui furono capaci. Davvero, l'Enterprise - prima dei film - era rappresentata con una manciata di set in cartone ed arriva per forza il momento in cui dobbiamo mostrarvi una tecnologia più avanzata di quella che avete già in soggiorno, altrimenti diventa noioso.


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Scena finale… storica!


Durante il panel sono stati mostrati molti bozzetti e foto dal dietro le quinte della serie che, purtroppo, non possono essere divulgati. Una di queste foto mostrava una scena tagliata dal season finale della prima stagione, descritta come "firma del trattato" (per essere corretti, si tratta in realtà di un cessate il fuoco).

L'immagine ritraeva una cerimonia ambientata in una sala in cui, sul pavimento, campeggiava il logo della 'Federazione Unita dei Pianeti'. Si vedevano tre Klingon: L’Rell (Mary Chieffo), Dennas (Claire McConnell) e Ujilli del Casato Mo’Kai (Damon Runyan). Come membri della Flotta Stellare apparivano tre Ammiragli: un Umano, il Tellarite Gorch e l'Andoriano Shukar.

La scena è stata girata presso il Municipio di Toronto, ovvero la stessa location in cui si è tenuta la cerimonia di assegnazione delle medaglie, nell'ultimo episodio della prima stagione.


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Degni di nota


Anche se le foto mostrate durante il panel non possono essere condivise online, TrekMovie ha descritto le più interessanti:

USS Discovery alternative


Gli addetti ai lavori hanno esposto alcuni design alternativi per il ponte di comando della USS Discovery: uno appariva di dimensioni più contenute (come quelli del passato) e dietro la poltrona del capitano era stata posizionata una console. La seconda immagine mostrava invece una plancia su due piani, con le due postazioni principali installate in una sorta di fossa ribassata.

Anche la sala teletrasporto della Discovery era inizialmente più piccola e più simile a quella della Serie Classica: la decisione di cambiare design è stata presa per contenere i costi, così da riutilizzare lo stesso set della sala teletrasporto a bordo della Shenzhou, modificandolo.

Un' altra immagine interessante mostrava la santabarbara della nave, in particolare l'ambiente con i tubi lanciasiluri. Il set - alto due piani - doveva servire per girare una scena rimasta solo sulla carta, quindi non è più stato costruito.

Anche per il nucleo di curvatura della Discovery erano stati considerati design alternativi, uno dei quali molto simile a quello mostrato a bordo della USS Enterprise nel film Star Trek: Into Darkness. Alla fine ha prevalso la scelta di renderlo più in linea con la versione classica.


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Il suocero di Harry Mudd e la sua nave "Trumpiana"


A quanto pare la fonte d'ispirazione per il design dalla Festoon, la nave di Baron Grimes (padre di Stella Mudd), è stato lo "Stile Trump".

Secondo i designer, la Festoon doveva apparire come:

Un'astronave degna di Donald Trump: grande, ridicola e pacchiana come un mega-yacht.


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Il tempio di Molor


Non sembrerebbe, ma il set con il "pozzo di Molor" sul pianeta centrale Klingon è stato costruito riorganizzando gli alloggi dell'Imperatore Georgiou e, stando alle parole della designer di produzione Tamara Deverell:

Credeteci o no, prima o poi potremmo usare nuovamente questo set


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Improperi Klingon


Possono leggersi dei graffiti sulle pareti dell'osteria Klingon mostrata nel season finale di Discovery, fra i quali uno con la frase:

Tua madre ha la fronte piatta.


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Aggiornamenti dai social


Se da un lato gli organizzatori del Fan Expo Canada hanno vietato di divulgare le immagini della conferenza, dall'altro il problema non esiste per il designer Neville Page che ha tranquillamente condiviso su Instagram due foto a tema Klingon: un cuore (!) ed un poco simpatico strumento chirurgico usato per estrarlo…





In the spirit of recent responses to bullying and having a heart....here is a heart. Specifically, a Klingon heart. Seen in season one during a surgical procedure, this heart is based on the canon that Klingons have redundant/double organs. Rather than just mirror a heart, I thought it biologically appropriate to supercharge the Klingon heart. This “second” heart (on the right) acts as an overdrive pump when more oxygenation of blood is required and thus facilitating greater success in battle. I included an NOS (nitrous oxide system) booster on that second heart (seen at the lower center of the image) in the form of an additional adrenaline gland. Excite a Klingon and...well...good luck with that😉 @startrek @startrekcbs @zbrushatpixologic @foundrymodo @gentlegiantltd #klingon #scifi #surgery #heart #nos #nitrousoxide #anatomy #medical
Un post condiviso da Neville Page (@nevillepage) in data:

In risposta a tutti i bulli che dovrebbero mostrare un po' di cuore… ecco un cuore. Un cuore Klingon, per l'esattezza. Mostrato durante la prima stagione, in una scena con un'operazione chirurgica, questo cuore si basa sul concetto canonico che i Klingon abbiano organi ridondanti. Piuttosto che immaginare semplicemente un doppio cuore uguale al primo, ho pensato che fosse biologicamente più appropriato immaginare un super-cuore doppio. Il secondo cuore (sulla destra) funge da pompa ausiliaria per quando l'organismo necessita di ossigenare più velocemente il sangue, garantendo il successo in battaglia. Sempre nel secondo cuore ho immaginato una pompa di protossido (al centro, verso il basso) sotto forma di ghiandola aggiuntiva per l'adrenalina. Provate a fare arrabbiare un Klingon e... be', buona fortuna.





The way to a mans heart is through his stomach. The way to a Klingons? Through their chest. In the surgery scene, we needed a “chest spreader” to crack open the torso in order to access the heart. In keeping with the notion that the Klingons are evolved aestheticians and have an eye for design, I went with the basic functional needs of a spreading device and embellished it with flourishes of their aesthetic propensities as well as iconography of past great Klingon surgeons. I utilized a lot of the established Torchbearer form language but stayed true to the needs of utility regarding pivots, access, even labeling (as seen in the first image). It is very much inspired by ancient and antique medical tools in that they were very ornamental. The materials were intentionally to echo that as well with the precious metals and carved bone (from an exotic alien beast, no doubt). @startrek @startrekcbs @keyshot3d @zbrushatpixologic @foundrymodo @gentlegiantltd @3dsystems @artcenteredu #klingon #surgery #medical #openheart #design #industrialdesign #medicaldesign
Un post condiviso da Neville Page (@nevillepage) in data:

Per arrivare al cuore di un uomo devi prenderlo per la gola. E per arrivare al cuore di un Klingon? Devi squartargli il petto. Nella scena con la procedura chirurgica avevamo bisogno di qualcosa che tenesse aperto il torace per permettere l'estrazione del cuore. Tenendo a mente l'estetica Klingon ed il loro occhio per il design, ho realizzato uno strumento chirurgico molto basilare nel suo utilizzo, ma abbellito con elementi tipici del design e dell'iconografia propria dei grandi chirurgi Klingon del passato. Ho attinto molto al linguaggio grafico stabilito con l'armatura del Tedoforo Klingon, ma sono rimasto fedele all'utilizzo pratico di questo strumento per quel che riguarda le leve, gli spazi di accesso e anche le etichette (come può vedersi nella prima immagine). L'ispirazione principale arriva dagli antichi strumenti medici, che avevano un aspetto molto ornamentale. Anche i materiali richiamano alla mente strumenti antichi ricavati da materiali preziosi o intagliati in osso (ossa di animali alieni esotici, senza dubbio).


La plancia della USS Europa


L'autore Kemp Powers ha invece scelto Twitter per condividere con i fan i bozzetti di quella che doveva essere la plancia della USS Europa, la nave dell'Ammiraglio Anderson distrutta dalla flotta Klingon nella seconda parte dell'episodio pilota di Discovery.

Scrive Kemp:

Quando ho lavorato a Star Trek: Discovery, la mia nave preferita era quella dell'Ammiraglio Anderson, soprattutto per il design della sua plancia e della poltrona del capitano (purtroppo mai mostrate nella serie).


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Click sulle immagini per ingrandirle


Spock è tornato in azione!


Qui (comprensibilmente) non ci sono immagini da mostrare, ma la notizia è degna di nota: Scott Gamzon, uno dei montatori di Star Trek: Discovery, ha confermato di aver lavorato per la prima volta ad una scena con Ethan Peck nei panni di Spock! Il tweet, datato 5 settembre, dice:



Sto montando la mia prima scena con Ethan Peck in Star Trek: Discovery, ed è semplicemente wow! Un attore incredibilmente dotato che interpreta un personaggio leggendario: cosa mai potrebbe desiderare di più un montatore?


Foto di famiglia a Toronto


Su Instagram non mancano mai le foto di gruppo e questa qui l'ha scattata Anson Mount (il nuovo Capitano Pike) al Fan Expo Canada, dove ha partecipato ad un panel insieme al resto del cast (occasione nella quale, tra le altre cose, si è parlato un po' proprio di Ethan Peck e del suo Spock!)





Un post condiviso da Anson Mount (@ansonmount) in data:


Saranno famosi


Per chiudere questa carrellata di aggiornamenti, siamo felici di riportare che gli ufficiali di plancia della Discovery Emily Coutts (Tenente Detmer) e Ronnie Rowe Jr. (Tenente Bryce) sono stati inseriti dall'Hollywood Reporter nella lista degli astri nascenti della TV canadese per il 2018. Anche TV Guide plaude a Star Trek: Discovery, tributandogli il 4° posto nella classifica dei migliori reboot/revival del 2018.


Carly Nicodemo, Discovery, DSC, Emilie Poulin, Gersha Phillips, Intervista, Jody Clement, Klingon, Ryan Dening, Serie Classica, Shenzhou, Tamara Deverell, Tim Peel, Ethan Peck, Spock, Neville Page, Emily Coutts TG TREK Star Trek News Novità Notizie



Fonte: TrekMovie





Articoli che potrebbero interessarti