[NYCC18] Discovery: i misteri della seconda stagione ed il ritorno allo Star Trek "classico" |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

martedì 9 ottobre 2018

[NYCC18] Discovery: i misteri della seconda stagione ed il ritorno allo Star Trek "classico"

Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Sabato scorso vi abbiamo aggiornato tempestivamente sulle ultime novità emerse dal panel di 'Star Trek: Discovery' al Comic-Con di New York del 6 ottobre (come il nuovo trailer della seconda stagione o gli aggiornamenti ufficiali sulla nuova serie TV con Jean-Luc Picard).

Ma il panel di New York è durato un'ora e molte sono le informazioni date in pasto al pubblico: in questo articolo cominceremo a riassumere tutto ciò che è stato detto a proposito di tematiche, storie e impostazioni sceniche della seconda stagione. Nei prossimi giorni, dedicheremo un altro articolo di approfondimento a personaggi e performance degli attori.


ATTENZIONE: seguono anticipazioni ufficiali, ma per i più sensibili si tratta di SPOILER!


Il nuovo trailer della seconda stagione di
Star Trek: Discovery


Scienza, fede e l'arco narrativo delle 7 esplosioni rosse


Alex Kurtzman ha delineato tematiche ed arco narrativo della seconda stagione, spiegando la grafica del poster promozionale e confermando quanto già dichiarato al Comic-Con di San Diego:

I sette segnali, la loro origine, chi o cosa li abbia mandati… tutto questo guiderà la seconda stagione. L'equipaggio della Discovery cercherà di trovare una spiegazione per questo fenomeno: le sette esplosioni rosse indicano un percorso da seguire? Sono un messaggio? Non lo sappiamo. Ci sono un sacco di considerazioni interessanti sulla contrapposizione fra la scienza e la fede. Cos'è la fede? Neanche la Flotta Stellare riesce a capire cosa sono queste esplosioni e da dove arrivano. Tutto questo rappresenta una parte importante della seconda stagione.


Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


L'attrice protagonista di Discovery, Sonequa Martin-Green, ha commentato così la figura alata che si intravede al centro del poster, chiamata "angelo rosso" nel trailer:

L'angelo rosso è davvero qualcosa di inesplicabile e - come ha spiegato Alex - insieme ai sette segnali rappresenta il grande mistero da risolvere nella seconda stagione. Come avete visto poco fa in quella meraviglia di trailer, l'angelo rosso appare a Burnham durante un momento davvero critico e Michael scoprirà che anche Spock lo ha visto, quand'era più giovane.


Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Ritorno alle origini: esplorazione, trame episodiche e canon


Anson Mount, unitosi da poco al cast nei panni del Capitano Christopher Pike, ha spiegato come inizierà il viaggio della seconda stagione:

Cominceremo rintracciando le apparizioni di questi segnali rossi. Sappiamo che l'energia necessaria per crearli è immensa, è qualcosa che va oltre tutto ciò che abbiamo già incontrato. Così, finiremo per addentrarci in un campo di asteroidi in rotta di collisione con una pulsar e lì troveremo una nave alla deriva, la Hiawatha. Una volta scesi ad investigare, scopriamo che c'è un solo membro dell'equipaggio ancora cosciente [Reno], un'ingegnere interpretata da Tig Notaro che è rimasta lì per assicurarsi che tutti gli altri feriti restassero in vita. Tig Notaro è fantastica e aggiunge tutto un altro tono alla serie. E' stato anche divertente lavorare con lei: il suo personaggio è rimasto a bordo con noi per un po'.


Mount, che è chiaramente un fan di Star Trek, nota come il mistero da risolvere in questa seconda stagione permetta alla serie di tornare ad avere un'impostazione più tipicamente 'Trek', a livello narrativo:

Ogni passo che facciamo ogni volta che riusciamo a rintracciare uno di questi segnali, ci avvicina alla verità. La cosa che mi piace davvero molto nel modo in cui lavorano gli autori è che - anche se rimangono fedeli a questa idea di uno show di Star Trek serializzato - con la scelta di farci inseguire questi segnali, sono riusciti ad infondere un po' di atmosfera classica in questa seconda stagione. In questo modo, ogni episodio ha il suo personaggio cardine, il suo perché, pur mantenendo una linea di fondo molto forte.


Durante il botta-e-risposta con il pubblico, è stato chiesto al cast quale messaggio vorrebbero indirizzare a tutti quei fan di lunga data che proprio non riescono a conciliare Discovery con il resto della saga. Anthony Rapp (che oltre ad interpretare Paul Stamets è anche un grande fan di Star Trek lui stesso) ha chiesto di avere pazienza e di seguire la seconda stagione per scoprire come ogni cosa andrà al suo posto:

Fidatevi: la nostra è una strategia di lungo periodo per spiegare come tutto si terrà insieme. E ci sarà una risposta a tutte queste domande lungo la seconda stagione.


Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Il ritorno dei Klingon chiomati (ma non di quelli con la fronte liscia)


Un grosso cambiamento estetico svelato dal trailer mostrato al NYCC è quello che riguarda i Klingon, tornati ad avere le folte e lunghe chiome con cui eravamo abituati a vederli in epoca 'The Next Generation' (confermando così lo spoiler lanciato fra le righe dal truccatore Glenn Hetrick, durante la convention di Las Vegas).

L'attrice Mary Chieffo, che in 'Discovery' interpreta la Klingon L'Rell, commenta così:

Forse avrete notato dal trailer che c'è stato un piccolo cambiamento [dice, facendo ondeggiare i capelli - N.d.t.]. E' un contributo davvero emozionante da parte di Glenn Hetrick, che è il nostro designer di make-up alieni ed è oltretutto un fan sfegatato di Star Trek. Ha trovato ispirazione dal 23° episodio della 6° stagione di The Next Generation, intitolato 'Il ritorno di Kahless'. C'è un passaggio dove Kahless viene riportato in vita sotto forma di clone e, per provare di essere davvero lui, racconta la storia di come si sia tagliato una ciocca di capelli, l'abbia immersa in un vulcano e da lì abbia forgiato la prima bat’leth con la quale ha ucciso Molor, il terribile tiranno che dominava all'epoca su Qo’noS.


Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Chieffo quindi ha spiegato in che modo questo elemento tratto da TNG è stato inserito in 'Discovery':

Così, com'è nello spirito di 'Discovery', abbiamo preso questo bellissimo piccolo seme piantato in una serie del passato e lo abbiamo fatto germogliare. Perciò scopriremo che i Klingon si radono completamente quando sono in tempo di guerra, ma se sono in pace si fanno ricrescere barba e capelli. Mi piace moltissimo il simbolismo intrinseco di questa usanza.


L'attrice ha più avanti precisato che il cambiamento estetico di L'Rell in senso 'tradizionale', non si limita alla sola chioma ora che è diventata Cancelliere:

L'aspetto del Cancelliere, dei suoi abiti… devo dire che [la costumista] Gersha Phillips si è davvero superata. Avevo indosso questi stivali e mi fa: "Ah, ma allora ti piacciono i tacchi alti?"; così mi ha dato questi stivali con dei tacchi epici e dei vestiti mozzafiato che ricordano un po' quelli classici dei Klingon, con le spaccature. Li adoro!


Restando sui Klingon, ad un certo punto dal pubblico è arrivata una domanda interessante: qualcuno ha chiesto se vedremo mai anche i Klingon senza cresta, tipici della Serie Classica.
Benché il produttore esecutivo Alex Kurtzman non abbia bocciato in toto l'idea, ha spiegato perché si è scelto di dare ai Klingon di 'Discovery' un aspetto differente:

All'epoca [della Serie Classica] non era possibile realizzare il tipo di make-up che facciamo noi. Per cui, molte decisioni prese allora furono in realtà scelte obbligate, perché non avevano le nostre stesse possibilità. In questo senso, in parte quello che cerchiamo di fare è mantenere lo spirito che animava la TOS, portandolo nella contemporaneità. Ma è lo stesso spirito. Quindi, mi chiedi se tecnicamente è possibile che ci siano in giro Klingon come quelli che realizzavano a quei tempi? Può darsi. Non c'è motivo per cui non dovrebbero esserci. Però i Klingon sui quali abbiamo deciso di concentrarci assomigliano di più a quelli che vi abbiamo già mostrato in Discovery.


Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Terminato il panel, un fan ha avanzato via Twitter una critica a Mary Chieffo circa la spiegazione data sul perché i Klingon avessero le teste rasate durante la prima stagione.

L'obiezione é:

Se i Klingon si rasano la testa quando sono in guerra, perché non l'hanno fatto durante la Guerra del Dominio di 'Deep Space Nine'?


La spiegazione dell'attrice (che in questo caso, s'improvvisa anche "autrice") è la seguente:


La Guerra del Dominio scoppierà più di cento anni dopo gli eventi di Discovery. Le tradizioni cambiano o si perdono nel tempo. Molti degli insegnamenti predicati da T'Kuvma e dei suoi appelli all'unità della razza Klingon verranno messi davvero in pratica solo dopo l'esplosione di Praxis ed il conseguente terremoto politico.


Ritorno a Talos IV?


Parlando di canon, un altro fan ha chiesto se ci sarà la possibilità di rivedere in 'Discovery' altri personaggi della Serie Originale di Star Trek, in aggiunta a Spock. Senza troppi giri di parole, la risposta di Kurtzman è stata un semplice:

Si.


Il produttore ha però stuzzicato la platea con un altro argomento suggestivo, quando ha chiesto:

Allora ragazzi, vi piacciono i Talosiani? Dovremmo vederne qualcuno.


Per chi non lo sapesse, i Talosiani sono una specie aliena capace di ricreare telepaticamente delle illusioni perfette. Sono apparsi nel 1964 ne 'Lo Zoo di Talos', il primo episodio pilota di Star Trek rifiutato dal network (e successivamente, come flashback nell'episodio 'L'ammutinamento').

Stando alla cronologia della saga, Pike ed il suo equipaggio (inclusi Spock e la Numero Uno) hanno visitato Talos IV circa 3 anni prima dell'incontro fra la USS Enterprise e la USS Discovery mostrato nel season finale della prima stagione di DSC. Dopo la missione di Pike su Talos IV, la Federazione ha imposto sul pianeta l'Ordine Generale 7, che vieta a tutti i vascelli federali di visitarlo, per qualsiasi motivo, fosse anche in caso d'emergenza. Pena la morte.


Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Una bomba emotiva


Commentando il montaggio del trailer della seconda stagione, che da ampio spazio alle scene d'azione, Sonequa Martin-Green ha tenuto a precisare che non sarà tutto lì:

Questa stagione sarà profondamente emozionale. Racconta una storia di profonde emozioni, e non ci risparmieremo in questo. Ci vedrete scavare sempre più in profondità. Di azione ce n'è tanta, è palpabile. Ma le emozioni lo saranno ancora di più e sarà eccitante proprio per questo. Rappresenta un po' un nuovo corso, ma al contempo è sempre molto in linea con il bruciante desiderio della nostra serie di risultare autentica.


L'interprete del Dr. Culber - l'attore Wilson Cruz - si è inserito in questa considerazione per fare una promessa ai fan:

Darete di matto!


Alex Kurtzman, Anson Mount, Anthony Rapp, Discovery, DSC, Ethan Peck, Intervista, Klingon, L'Rell, Mary Chieffo, NYCC18, Sonequa Martin-Green, canon, Hiawatha, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Il report sul panel di 'Star Trek: Discovery' al New York Comic-Con continua qui.


***

Per tenervi aggiornati su tutte le novità del NYCC18, vi consiglio di leggere anche questi articoli.



Fonte: TrekMovie






Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?