[BREAKING] La nuova serie di Star Trek con Picard sarà influenzata dalla distruzione di Romulus |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

mercoledì 9 gennaio 2019

[BREAKING] La nuova serie di Star Trek con Picard sarà influenzata dalla distruzione di Romulus


Il produttore esecutivo Alex Kurtzman ha svelato un particolare molto importante sulla nuova serie di Star Trek con Jean-Luc Picard, che arriverà a fine anno!


In una dichiarazione rilasciata all' Hollywood Reporter, il produttore attualmente alla guida del franchise ha dichiarato:

La vita di Picard è stata radicalmente segnata dalla dissoluzione dell'Impero Stellare Romulano.


Il riferimento è alla supernova Hobus, che nel film Star Trek (2009) di J.J. Abrams ha causato la distruzione totale del pianeta Romulus.

Sembra quindi che la nuova serie Trek con Patrick Stewart (prevista a fine anno) si baserà su quell'evento catastrofico narrato nel film del 2009, co-sceneggiato dallo stesso Kurtzman.




La distruzione di Romulus viene narrata al giovane Kirk dall'anziano Spock e, fino a questo momento, è l'evento più distante nella cronologia ufficiale di Star Trek a coinvolgere personaggi familiari e - benché non si possa considerare canon - Picard è stato già parzialmente coinvolto dall'evento nel fumetto Star Trek: Countdown.




Le parole di Kurtzman sembrano sconfessare - almeno in parte - l'assioma secondo cui la gestione televisiva del franchise (in mano a CBS) e quella cinematografica (in mano a Paramount) sarebbero come due binari paralleli destinati a non incrociarsi mai: che i recenti cambi ai vertici di CBS siano serviti ad ammorbidire le posizioni dei due soggetti in campo?

Viene naturale pensare che la nuova serie, a questo punto, possa incorporare riferimenti all'episodio di TNG 'Il segreto di Spock' ed al Pretore Shinzon, il clone di Picard visto nel film Star Trek: La Nemesi, creato dagli stessi Romulani.




Ma Kurtzman ha proseguito spiegando che tipo di sviluppi hanno in mente per Picard, seguendo le indicazioni di Patrick Stewart:

Patrick ha lanciato una sfida agli autori: "Se lo facciamo - ha detto - voglio che sia qualcosa di molto diverso. Deve essere fedele a ciò che la gente ricorda ma anche completamente diverso da ciò che si aspettano. Altrimenti, perché farlo?"


Il produttore ricorda quando lui, il produttore Akiva Goldsman e l'autrice Kirsten Beyer si sono incontrati la prima volta con Stewart per proporgli l'idea di tornare a recitare in Star Trek:

In quella riunione abbiamo cercato di esprimere quanto disperatamente amassimo lui ed il suo personaggio, e quanto morissimo dalla voglia di raccontare cosa gli fosse accaduto in questi anni.


Stewart gli ha quindi chiesto di preparare un documento di tre pagine che presentasse concretamente le loro idee per la serie. E' in quel momento che al gruppo si è unito Michael Chabon per sviluppare un'idea per una serie Picard-centrica ma... la squadra si rese conto che tre sole pagine non sarebbero bastate per contenerla tutta.

Alla fine, è venuto fuori un documento di 34 pagine… impossibile da riassumere ulteriormente. Ci siamo giocati tutto e Stewart avrebbe potuto leggerlo come no, amarlo oppure detestarlo. Ma era la nostra arma migliore per convincerlo a dirci di sì.


Fortunatamente Stewart ha gradito ciò che ha letto ed ha organizzato un incontro con Kurtzman a Los Angeles, durante la settimana degli Oscar. Il produttore lo ricorda così:

Entrò nella stanza con un ampio sorriso e mi disse: "E' fantastico".

Comprese di avere a che fare con persone che cercavano disperatamente la sua collaborazione, che non volevano solo sfruttarlo o rovinare la sua immagine. Capì che se Picard sarebbe tornato, lo avrebbe fatto per il più valido dei motivi.




L'ultima domanda rivolta a Kurtzman è stata di rito: nella nuova serie torneranno anche gli altri personaggi di The Next Generation? La risposta è stata:

Tutto può essere.


***

Restate al passo con le ultime news sulla serie di Picard continuando a seguirci su TgTrek.com.



Fonte: TrekCore