Billingsley (Phlox) sulla cancellazione di Enterprise: "Paramount mise troppa fretta agli autori" |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

sabato 23 febbraio 2019

Billingsley (Phlox) sulla cancellazione di Enterprise: "Paramount mise troppa fretta agli autori"

Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Il sito TrekToday ha intervistato l'attore John Billingsley, noto ai fan di Star Trek per la sua interpretazione del Dr. Phlox in tutte e quattro le stagioni di Star Trek: Enterprise.

Billingsley ha parlato dei suoi impegni attuali, delle sue esperienze alle convention di Star Trek ed ovviamente del suo personaggio Denobulano.

La parte forse più interessante dell'intervista ha riguardato i suoi pensieri sulla cancellazione prematura di Enterprise, su cosa non abbia funzionato e sulla direzione che - secondo lui - avrebbe dovuto prendere la serie, se UPN avesse commissionato nuove stagioni delle avventure del Capitano Archer.

Ecco cosa ha dichiarato.


In altre occasioni lei ha già difeso Enterprise, arrivando a dire che è stata una fortuna riuscire a durare ben quattro stagioni, considerando il network scadente sul quale andava in onda [UPN - N.d.r.].

Se le cose fossero andate diversamente, che sviluppi le sarebbe piaciuto vedere? E come avrebbe visto la presenza di un aiutante umano nella sua infermeria? Ho sempre pensato che il marinaio Cutler sarebbe stata un'ottima aggiunta allo staff di Phlox.


Ho difeso la serie, ma l'ho anche attaccata in egual misura, mi sa! Uno dei nostri problemi è stato andare in onda su un canale moribondo (anzi, proprio spacciato). Un altro problema fu che Paramount non concesse a Rick [Berman] e Brannon [Braga] un po' di tempo fra la conclusione di Voyager ed il debutto di Enterprise; questo non permise agli autori di scrivere seriamente una bibbia della serie [in gergo, è il documento che delinea ambientazione, storia e caratteristiche dei personaggi - N.d.r.] e quindi non hanno avuto materialmente il tempo di riflettere bene sul tipo di storie che intendevano raccontare.


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Brannon Braga e Rick Berman


Ho sempre pensato che la serie si fosse allontanata troppo in fretta dall'idea iniziale, di raccontare quanto pericolosa e terrorizzante fosse l'esplorazione di strani nuovi mondi, quando nessuno l'aveva ancora fatto prima di te. Per esempio mi ricordo che nella prima stesura di un episodio, dopo aver usato il teletrasporto, un membro dell'equipaggio risaliva a bordo con il cu*o al posto della testa (metaforicamente parlando. Diciamo solo: "orribilmente sfigurato"). Gesù! Non potevamo fidarci neppure del teletrasporto! Fa paura, no? Eppure, nella sceneggiatura finale il tizio si ritrova solo con foglie e ramoscelli che gli escono dalle orecchie. Ed io rimetto tutto a posto con un paio di pinzette: nessuna forte emozione, nessuna conseguenza, nessuna sensazione di terrore.


[Nota: l'episodio in questione si intitola 'Strani, nuovi mondi']


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Almeno per le prime due stagioni, avrei voluto restare sul tema "più ci allontaniamo = più paura abbiamo". Probabilmente non avrebbe fatto molta differenza, ma ho sempre pensato che troppi episodi fossero insipidi e indistinguibili - per certi versi - da quelli di tutte le altre serie precedenti.

Avrei voluto più discussioni a bordo, più cacofonia, con dialoghi che si sovrappongono per amplificare la sensazione di claustrofobia. Ci trovavamo su una nave tutto sommato piccola, con alloggi ed ambienti molto ristretti. Avrei voluto che si calcasse di più la mano sull'atmosfera da sottomarino… non lo so.

Però non so come l'avrebbero presa i fan; probabilmente avrebbero cominciato a protestare, dicendo: "Che schifo, questo non è Star Trek!" Non lo so, non mi sono mai approcciato alla serie dalla prospettiva di un fan di lunga data, perché non lo sono. Quindi, ammetto che questi suggerimenti si basano solo sui miei gusti personali e non rappresentano - in alcun modo - ciò che probabilmente piacerebbe ai fan. Qui c'è anche un po' di ironia, perché io ho interpretato un personaggio fortemente solare ed ottimista, ma mi auguravo che la serie proponesse atmosfere più tese.


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Poi è arrivato [il produttore esecutivo] Manny Coto alla quarta stagione e... sostanzialmente sapeva che sarebbe stata l'ultima. Per questo motivo, l'ha riempita di citazioni e riferimenti alla mitologia di Star Trek come il cambiamento nell'aspetto dei Klingon, oppure [l'attore di] Data che interpreta il "papà" di Ricardo Montalban [l'umano geneticamente potenziato Khan], l'Universo dello Specchio, etc.

In pratica ha detto: "Ma che cavolo! Ora faccio come mi pare, tanto di questa serie non importa più niente a nessuno. Voglio scrivere storie che io, da fan, vorrei vedere!"


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Manny Coto con alcuni membri del cast di Enterprise


Ironia della sorte, il suo approccio ha funzionato. Forse è arrivato troppo tardi, ma penso che la sua estetica abbia avuto forte risonanza nella nostra fanbase. Sono certo che avremmo visto molti altri episodi così, se la serie fosse andata avanti. Credo che Manny abbia acceso quella scintilla, quell'energia che ha reso migliore buona parte (non tutta) della terza e della quarta stagione: per esempio con quell'episodio dove Trip viene clonato, 'Similitudini', oppure quello dove il Capitano Archer soffre di Alzheimer in un futuro distante, nel quale non è riuscito ad impedire la distruzione della Terra… mi sfugge il titolo ['Il crepuscolo del tempo' - N.d.r.]. Quelli erano episodi ricchi di tensione, con un nucleo narrativo solido. Sono certo che [Manny Coto] avrebbe continuato a spingerci in quella direzione, molto proficua.


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Per rispondere poi all'altra domanda: purtroppo l'attrice che ha interpretato Cutler [Kellie Waymire] è morta prematuramente nel corso della prima stagione, ed è per questo che il personaggio non è più apparso nella serie, So che [gli autori] avrebbero assolutamente voluto mostrarla ancora, ed io stesso sarei stato felicissimo perché era una persona meravigliosa. Però non credo che gli autori stessero valutando l'aggiunta di un nuovo personaggio in infermeria, fosse solo per il fatto che… sono convinto che - già così come andavano le cose - non sapevano bene come sfruttare quel set.


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Per i miei gusti, avrei anche voluto che gli autori lasciassero perdere tutta la storia d'amore fra Trip e T'Pol. Credo che anche uno dei due attori non ne fosse entusiasta. Poi immagino che avremmo rivisto i Romulani, senza dubbio. Avremmo visto molti altri Andoriani… Penso che Jeff [Jeffrey Comb, l'Andoriano Shran] avrebbe potuto aggiungersi al cast come personaggio regolare.


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


All'epoca, continuavo a sussurrare alle orecchie degli autori di far capitare un orribile incidente a Malcolm Reed. Qualcosa che lo sfigurasse permanentemente. Perché? Perché sono una brutta persona e volevo che Dominic [Keating] soffrisse come me in sala trucco.


Brannon Braga, ENT, Enterprise, Intervista, Jeffrey Comb, John Billingsley, Paramount, Phlox, Rick Berman, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Un'altra campana


Se trovate l'argomento interessante, vi consiglio di approfondirlo con questo articolo pubblicato in precedenza, dove a dire la sua sulla cancellazione di Star Trek: Enterprise è l'attore Connor Trinneer (Trip Tucker).


Fonte: TrekToday




Articoli che potrebbero interessarti