Fan trasforma in HD alcune scene di 'Star Trek: Deep Space Nine' con l'Intelligenza Artificiale |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

martedì 19 marzo 2019

Fan trasforma in HD alcune scene di 'Star Trek: Deep Space Nine' con l'Intelligenza Artificiale

alta definizione, Deep Space Nine, Ds9, HD, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Rimasterizzare in HD Star Trek: Deep Space Nine e Star Trek: Voyager non è decisamente in cima alle priorità di CBS in questo momento, ma nell'attesa i fan non stanno a guardare!

Sperimentando con l'Intelligenza Artificiale, tale Captain Robau ha migliorato la qualità video di DS9: niente di paragonabile ad una "vera" rimasterizzazione, ma in futuro… chissà?


HD-S9


Grazie al documentario What We Left Behind, nel quale saranno inclusi 20 minuti di sequenze rimasterizzate in HD tratte da DS9, i fan di Star Trek sono tornati a sperare in una rimasterizzazione integrale di Deep Space Nine e Voyager, le due uniche serie Trek ad essere ancora confinate al mondo della standard definition.

Come abbiamo spiegato dettagliatamente in questo articolo, rimasterizzare in Alta Definizione DS9 e VOY comporterebbe un esoso investimento da parte di CBS, che si ripagherebbe troppo lentamente per essere giustificato.

Lo stesso documentario prodotto da Ira Steven Behr sta subendo grossi ritardi, proprio a causa dei tempi e delle difficoltà tecniche che la rimasterizzazione comporta (e parliamo di soli 20 minuti da 'restaurare'!), quindi il futuro non è roseo per chi spera in un'edizione Blu-Ray delle avventure di Sisko e Janeway.

Un volenteroso fan ha allora provato a sperimentare in proprio le potenzialità dell'Intelligenza Artificiale, per capire come se la cava lo stesso algoritmo usato per l'upscaling del videogioco Final Fantasy 7, dandogli in pasto una sequenza video tratta da DS9.

La scena utilizzata è il prologo del famoso episodio 'Il sacrificio degli angeli'. Per apprezzarlo al meglio, il video andrebbe visto a schermo intero ed in qualità 1080p:




Come spiega lo stesso Captain Robau, il grosso problema della rimasterizzazione è che gli effetti speciali originali (a differenza delle scene con attori in carne ed ossa) sono stati girati direttamente in bassa risoluzione. Ed è qui che entra in gioco l'Intelligenza Artificiale:

Si possono ri-scannerizzare le pellicole originali in alta risoluzione, ma non gli effetti speciali ed è questo che farebbe lievitare vertiginosamente i costi di una rimasterizzazione (motivo per cui non è stata ancora fatta).

Però è qui che può tornare utile la rete neutrale: mi sono detto che con uno strumento come AI Gigapixel, poteva essere possibile trasformare i frame in bassa definizione di DS9 in 1080p o addirittura in 4K.

Il risultato non sarà mai quello che si otterrebbe con una vera rimasterizzazione, ma è un passo nella direzione giusta.


Parlando di 4K, Rubau ha sperimentato anche lì convertendo la sigla della serie ma - come dice lui stesso - lo sforzo computazionale ha quasi fuso il processore del PC. Il risultato è il seguente:




Non un vero HD


Come messo subito in chiaro dall'autore di questi esperimenti, il metodo utilizzato non potrà mai sostituire una vera rimasterizzazione: tecnicamente, l'IA effettua un upscaling dell'immagine in bassa definizione tentando di "indovinare" e replicare le informazioni mancanti.

Questo rende il risultato finale molto altalenante, perché c'è un limite alle informazioni che l'algoritmo può tentare di ricavare dalla fonte originale (ed inoltre gli effetti speciali realizzati con la CGI dell'epoca non rendono bene, con questo metodo).

Il risultato è di certo incoraggiante ma, per chiarire la differenza nel grado di dettaglio che può raggiungere l'IA rispetto alla vera rimasterizzazione, osservate queste due immagini della Deep Space Nine:


alta definizione, Deep Space Nine, Ds9, HD, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
alta definizione, Deep Space Nine, Ds9, HD, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Click sulle immagini per ingrandirle


La prima è stata migliorata dall'algoritmo; la seconda è tratta dall'episodio di TNG 'La voce del sangue', rimasterizzato professionalmente per l'edizione Blu-ray.

Tanti piccoli dettagli della stazione spaziale DS9 non sono mai stati evidenziati chiaramente, prima della rimasterizzazione di TNG: si possono notare, ad esempio, delle rifiniture in giallo che in bassa definizione si perdono in un indistinto color fango. L'algoritmo non è in grado di riconoscere il colore originale sulla base dell'immagine in bassa definizione, ed ecco perché il giallo scompare anche nelle immagini realizzate da Captain Robau.


Una possibilità da sfruttare


Captain Robau non intende estendere l'esperimento ad un episodio completo, proprio perché non sarebbe possibile ottenere lo stesso risultato di una vera rimasterizzazione.

Tuttavia, applicando l'IA all'upscaling delle immagini, Robau ha dimostrato che è possibile migliorare la qualità video di DS9, accorciando un po' il gap fra bassa ed alta definizione.

Può darsi che, con i progressi tecnologici che verranno nei prossimi anni, CBS decida di sfruttare questo metodo per distribuire nuove edizioni di Deep Space Nine e Voyager più idonee ai moderni teleschermi: usare l'IA per migliorare le immagini sarebbe un processo di gran lunga molto più economico per CBS, anche se non potrebbero ancora definirsi edizioni HD al 100%.


***

Resta aggiornato sullo sviluppo di 'What We Left Behind' consultando tutti i nostri articoli sul documentario di Ira Steven Behr!


Fonte: Trekmovie