[INCHIESTA] In quale linea temporale si svolgerà 'Star Trek: Picard'? |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

domenica 26 maggio 2019

[INCHIESTA] In quale linea temporale si svolgerà 'Star Trek: Picard'?

Picard, Nuova Serie, Patrick Stewart, Canon, Fumetti, Videogames, Roberto Orci, Star Trek Online, Inchiesta, TG TREK Star Trek News Novità Notizie

Facciamo un po' di chiarezza sulla collocazione di Star Trek: Picard all'interno del franchise e del canon della saga.


Universo originale o Kelvinverso?


Sappiamo da mesi che, nella nuova serie di Star Trek con Patrick Stewart, la vita di Picard sarà stata fortemente influenzata dalla distruzione di Romulus.

Questo evento, raccontato dall'Ambasciatore Spock nel film Star Trek (2009), è accaduto nell'Universo Originale nell'anno 2387, anche se questa data non è mai stata specificata nella sceneggiatura.

Benché il film di J.J. Abrams sia infatti avaro di dettagli su questa catastrofe, sceneggiatori e fonti esterne hanno confermato che l'evento si è svolto nell'Universo Originale: in sostanza, la singolarità creata da Spock per contenere la potenza distruttiva della supernova Hobus, non l'ha semplicemente risucchiato indietro nel tempo ma lo ha anche trasportato in una realtà parallela.

Star Trek ci ha abituati tanto ai viaggi nel tempo quanto a quelli negli universi paralleli (un esempio su tutti, l'omonimo episodio di The Next Generation). La realtà alternativa più famosa è certamente quella del brutale Universo dello Specchio, che coesiste con il nostro. Il Kelvinverso è solo un'altra di queste possibili realtà. E' vero che il corso naturale degli eventi è stato alterato dai personaggi dell'Universo Originale, ma è anche vero che l'Universo Originale non è stato a sua volta alterato da ciò che è accaduto nel Kelvinverso.


Picard, Nuova Serie, Patrick Stewart, Canon, Fumetti, Videogames, Roberto Orci, Star Trek Online, Inchiesta, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Per dirla in parole povere, in Star Trek: Picard il pianeta Vulcano sarà ancora al suo posto, perché Nero il Romulano ne ha causato la distruzione solo nel Kelvinverso.


Canon o Non-Canon? Questo è il problema...


Fra le fonti esterne che hanno esplorato le conseguenze del film di J.J. Abrams sull'Universo Originale, i fumetti hanno giocato un ruolo essenziale. Si può obiettare che queste storie non siano canon (cosa tecnicamente vera) ma dalle informazioni trapelate fino a questo momento, è assai probabile che gli autori del nuovo show ne abbiano tratto ispirazione, fosse solo per il fatto che il produttore esecutivo Alex Kurtzman ha di fatto co-sceneggiato Star Trek (2009) insieme a Roberto Orci.

A questo punto, la lettura del fumetto Star Trek: Countdown diventa altamente consigliata per ogni fan, perché è lì che lo stesso Orci ha raccontato nei dettagli tutta la parte della storia che riguarda la distruzione di Romulus, dal punto di vista dell'Universo Originale. In breve, Spock ha cercato l'aiuto di Picard per salvare i Romulani, ma la missione fallì e - dal punto di vista di Picard - Spock è rimasto ucciso nel tentativo. Un evento traumatico che sicuramente ha lasciato il segno sul nostro Jean-Luc.


Picard, Nuova Serie, Patrick Stewart, Canon, Fumetti, Videogames, Roberto Orci, Star Trek Online, Inchiesta, TG TREK Star Trek News Novità Notizie
Il fumetto Star Trek: Countdown è disponibile su Amazon


Chiarimenti in merito si possono trovare in un'altra fonte non-canonica ma autorevole, come il videogame Star Trek: Online (autorevole perché molte scelte di trama vengono concordate accuratamente con CBS). Il gioco si svolge nell'Universo Originale, circa vent'anni dopo la distruzione di Romulus. Coerentemente con la storia narrata da Spock, Romulus non esiste più e lo stesso può dirsi per l'Impero Romulano. Vulcano è invece ancora lì.


Non c'è tempo per mettersi a parlare di tempo!


Molti di voi avranno in mente le classiche meccaniche temporali in stile Ritorno al Futuro, dove cambiare un elemento nel passato porta inevitabilmente ad un'alterazione nel futuro. Ma ogni serie di Star Trek ha affrontato la questione in modi un po' diversi e non sempre è possibile applicare la logica di Ritorno al Futuro a quella di Gene Roddenberry. Basti pensare che in Star Trek: Enterprise, il viaggiatore temporale noto come Daniels ha rimproverato il Capitano Archer di avere una visione troppo semplicistica dei viaggi nel tempo, spiegandogli che - in realtà - le alterazioni temporali hanno effetti maggiori solo sul breve termine ma, sul lungo periodo, la linea temporale tende spontaneamente a ripristinarsi, cancellando gli effetti delle alterazioni esterne.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando, può essere utile affidarsi a questo grafico:


Picard, Nuova Serie, Patrick Stewart, Canon, Fumetti, Videogames, Roberto Orci, Star Trek Online, Inchiesta, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


Sappiamo che Star Trek: Discovery si svolge 10 anni prima della Serie Classica, ovvero nel 2256. Dalla grafica vediamo che Nero è tornato indietro nel tempo fino al 2233, anno in cui ha distrutto la USS Kelvin mettendo in moto la serie di eventi narrati nel film. Di questi eventi non v'è traccia in Discovery e non ve ne sarà neanche in Star Trek: Picard. L'unica informazione che collega Picard al Kelvinverso è che Romulus è stato distrutto (e con esso l'Impero Stellare Romulano). Chissà se i Romulani superstiti si saranno alleati con la Federazione, come fecero i Klingon dopo la distruzione di Praxis?

Il dato importante da comprendere è che i film del Kelvinverso non hanno cancellato gli eventi di TOS, TNG, DS9, VOY e dei primi 10 film, che restano inalterati così come li ricordiamo. Pertanto non vi è dubbio che nella nuova serie vedremo il Picard originale e non quello del Kelvinverso.


Diario del capitano, data stellare…?


Stabilito questo, resta da chiarire in quale anno esattamente si svolgerà Star Trek: Picard.

Da un messaggio del produttore esecutivo Michael Chabon, si desume che la serie sarà ambientata nel 2399. La distruzione di Romulus - come abbiamo detto - dovrebbe essere avvenuta nel 2387, ma nel trailer ufficiale si fa riferimento ad un periodo di quindici anni, il che sposterebbe le vicende di Picard nel 2402 (distruzione di Romulus, 2387 + 15 anni = 2402).

E' possibile che nel trailer la data sia stata arrotondata in eccesso o che gli autori non si siano sentiti obbligati a rendere canon quella fornita in Countdown e Star Trek: Online. Oppure - smentendo ogni previsione - l'evento che quindici anni prima ha spinto Picard a lasciare la Flotta Stellare non ha a che vedere con Romulus… fino al debutto della serie (o finché non arriveranno ulteriori chiarimenti dalla stanza degli autori), non c'è modo di stabilirlo.


Picard, Nuova Serie, Patrick Stewart, Canon, Fumetti, Videogames, Roberto Orci, Star Trek Online, Inchiesta, TG TREK Star Trek News Novità Notizie


***

Star Trek: Picard sarà distribuita in streaming - anche in Italia - su Amazon Prime Video, entro 24 ore dalla trasmissione americana. Il debutto della serie è previsto entro la fine del 2019.

Restate aggiornati su tutte le news riguardanti Star Trek: Picard ed i nuovi piani per il franchise qui su TG TREK.


Fonte: Treksphere




Nessun commento :