[LOWER DECKS] L'autore spiega in quale punto del canon si svolgerà la serie animata di Star Trek |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

venerdì 2 agosto 2019

[LOWER DECKS] L'autore spiega in quale punto del canon si svolgerà la serie animata di Star Trek

Canon, Intervista, Lower Decks, Mike McMahan, Nuova Serie, Serie Animata, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia

Che rapporto avrà con il canon di Star Trek la nuova serie animata Star Trek: Lower Decks? Ed in quale punto della cronologia sarà ambientata, di preciso?

Il creatore ed autore della serie, Mike McMahan, ha risposto a queste domande in una recente intervista pubblicata su Comicbook.com.


Anno 2380: dopo Nemesis, ma prima di Picard


Al Comic-Con di San Diego 2019 è stato annunciato che Star Trek: Lower Decks si svolgerà nel 2380, ovvero un anno dopo gli eventi di Star Trek: La Nemesi. Ma perché è stata scelta proprio questa data? E come si inserirà una serie così poco ortodossa all'interno del canon di Star Trek?

Mike McMahan lo ha spiegato alla redazione di Comicbook.com:

Sono un fan di Star Trek: The Next Generation; è quella la serie che amo e con la quale sono cresciuto. Mi piacciono tutte le serie di Star Trek, ma TNG la sento più vicina a me. [Per ambientare Lower Decks] Ho scelto un anno che non fosse mai stato esplorato narrativamente, che fosse ancora un foglio bianco, che non andasse a toccare qualcosa che stanno già affrontando in Star Trek: Picard, o che non fosse nel mezzo di qualche evento già raccontato, tipo… "Oh, questo si svolge durante la Guerra del Dominio", oppure "Ah, questo avviene in contemporanea con Primo Contatto."

No, mi serviva uno spazio dove i nostri personaggi (i meno importanti della nave meno importante della Flotta Stellare) potessero vivere le loro avventure, senza interferire con le serie preferite degli altri. Che sono tanti. Ci sono un sacco di fan, la fuori. Ci sono quelli che vanno pazzi per Deep Space Nine. A me piacciono molto Voyager ed Enterprise. Sono tutte serie fantastiche ed io non voglio rimescolare le carte in tavola con la nostra serie. Dato che l'epoca di TNG è la mia preferita, quello che sto tentando di fare è intrufolarmi verso la fine di quel periodo ed aggiungerci qualcosina. Giusto per accrescere un po' quel mondo, con un format differente.


Canon, Intervista, Lower Decks, Mike McMahan, Nuova Serie, Serie Animata, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia
Particolare del poster promozionale di
'Star Trek: La Nemesi'


Guest Stars in Lower Decks


Viene da chiedersi se il bizzarro equipaggio della USS Cerritos visiterà qualche pianeta già mostrato nelle serie con attori in carne ed ossa. Su questo, McMahan tiene la bocca chiusa:

Non voglio risponderti né sì né no. Il mio obiettivo è che [Lower Decks] sia qualcosa di nuovo ed al contempo familiare. Stiamo ancora delineando la prima stagione e mi interessa proporre questo mix di elementi nuovi e familiari.


McMahan risponde più o meno allo stesso modo, commentando la possibilità che uno o più protagonisti delle serie Trek anni '90 possano partecipare a Lower Decks in veste di doppiatori:

Non ti posso proprio rispondere. Sono un fan sfegatato di quell'epoca e muoio dalla voglia di lavorare con tutti quanti. Lavorare con i nostri attuali doppiatori è una vera gioia, e per me è un sogno costruire in questo modo una serie di Star Trek. La serie prende forma, i personaggi trovano la loro voce e mi emoziono sempre di più, man mano che si crea questa nuova famiglia della Flotta Stellare. Trasmetterà le stesse sensazioni dei personaggi classici, sia ai fan di Star Trek che a quelli che non l'hanno mai visto.


Canon, Intervista, Lower Decks, Mike McMahan, Nuova Serie, Serie Animata, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia
Patrick Stewart in sala doppiaggio… ci andrà anche per Lower Decks?


Canon è bello


Mike McMahan tiene a precisare che, per lui, i paletti dettati dal canon sono tutt'altro che un ostacolo:

Per me è molto importante che canon e Star Trek vadano di pari passo. Lo ritengo importante proprio a livello personale. Non vale la pena fare una serie di Star Trek se non vuoi nemmeno sforzarti di rendere le cose coerenti con il canon, perché è per il canon che io e tutti gli altri amiamo Star Trek. Il canon è il mondo condiviso nel quale esistono tutte queste serie differenti. Lo vediamo nei film della Marvel, in quelli della DC ma all'inizio c'era la Serie Classica, poi è venuta TNG e tutte le altre serie e film hanno cominciato a citarsi a vicenda.

[Il canon] Per me rappresenta il fandom originale, e se non hai voglia di tenerne conto e di farci attenzione, allora non ne vale la pena. Per me fa parte delle cose belle di Star Trek, non è una costrizione. Perciò, per me le nostre storie ed i nostri personaggi fanno assolutamente parte del canon. L'unica differenza, è che i nostri personaggi hanno un pizzico di auto-coscienza in più e sono quindi più autoreferenziali. Per esempio, possono parlare di personaggi apparsi in altre serie di Star Trek perché sono dei loro fan, come lo siamo io ed i miei autori. E' come se sapessero di far parte del canon, e questo li rende euforici!


Canon, Intervista, Lower Decks, Mike McMahan, Nuova Serie, Serie Animata, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia
William Shatner circondato dai fan, alla premiere di 'Star Trek: Discovery'


***

Per aggiornamenti su Star Trek: Lower Decks ed i nuovi progetti, continuate a seguire TG TREK


Fonte: Comicbook




Nessun commento :