[RECENSIONE] Star Trek: Short Treks - Children of Mars |   TG TREK - Star Trek News Italia  

Header

domenica 12 gennaio 2020

[RECENSIONE] Star Trek: Short Treks - Children of Mars

Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia

'Children of Mars', l'ultimo Short Trek prodotto per il 2019, ci offre un interessante assaggio del contesto di 'Star Trek: Picard', a pochi giorni dal suo debutto su Amazon Prime Video.

Basandoci sulla recensione redatta da TrekMovie, possiamo affermare che ciò che tormenta Picard potrebbe non essere collegato tanto alla distruzione di Romulus, quanto piuttosto ad un altro evento catastrofico avvenuto molto più vicino al cuore della Federazione.

Vi presentiamo il riassunto del mini-episodio, indagando sui suoi possibili legami con la nuova serie di 'Star Trek' con Patrick Stewart.


ATTENZIONE: Contiene SPOILER sulla trama dello 'Short Trek' (e forse anche di 'Picard').


Un momento storico


Ogni generazione, prima o poi, vive quel momento in cui la vita di ogni giorno viene scossa da un evento traumatico ed improvviso, come gli attacchi terroristici dell'11settembre 2001 a New York. Sono eventi che lasciano il segno, specie nei più piccoli, nei quali ci si rende immediatamente conto che il mondo che pensavamo di conoscere non esiste più, diventando imprevedibile e spaventoso.

'Star Trek: Short Treks - Children of Mars' - andato in streaming lo scorso 9 gennaio esclusivamente in Nord America ed Australia - racconta esattamente un momento come questo, dalla prospettiva di due giovani studentesse della Federazione che si ritrovano unite nel dolore, dopo una serie infinita di screzi.

'Children of Mars' è uno 'Short Trek' insolitamente ricco di elementi utili ad accrescere il canon della saga, e con tutta probabilità stabilisce sin d'ora quella che sarà l'atmosfera e la sensibilità narrativa della nuova serie 'Star Trek: Picard' (o almeno della sua prima stagione).




Trama


Titolo: Star Trek: Short Treks - Children of Mars

Autori: Kirsten Beyer, Alex Kurtzman, Jenny Lumet
Regia: Mark Pellington


A differenza degli altri 'Short Treks', questo corto inizia senza titoli di testa (e per la verità le parole 'Short Treks' non compaiono mai nel montaggio dell'episodio). Lo spettatore viene catapultato immediatamente nella vita di queste due ragazzine adolescenti, una umana ed una aliena.

La ragazza aliena, di nome Kima (Ilamaria Ebrahim) è la figlia di una operaia al lavoro nei cantieri navali di Utopia Planitia, su Marte. In una video-chiamata con la madre, vediamo che la sua specie ha una lingua insolitamente lunga e flessibile (per gli standard umani, ovviamente). Un'inquadratura nello spazio mostra alcune astronavi attraccate al bacino spaziale, in attesa di essere riparate o assemblate.

La scena si sposta dunque su Lil (Sadie Munroe), anche lei figlia di un impiegato presso i cantieri navali marziani. In un messaggio preregistrato, il padre - che lavora come supervisore al bacino orbitante - la informa che non riuscirà ad andare a trovarla, a causa della grande mole di lavoro sulle sue spalle. Lil, visibilmente seccata, disattiva bruscamente lo schermo.

Le due protagoniste vivono in due piccoli alloggi per studenti praticamente identici, come identiche sono le loro divise. Entrambe preparano gli zaini e si apprestano ad andare a scuola, presso la WSA.


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Arrivati presso il punto di atterraggio dello scuolabus (una navetta spaziale), Lil sorpassa velocemente Kima facendole cadere a terra lo zaino, superandola come niente fosse. Kima sbuffa cercando di recuperare velocemente le sue cose, ma perderà la navetta.


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Da questo punto in poi, in modo molto poco ortodosso per 'Star Trek', l'episodio metterà da parte i dialoghi e sarà quasi interamente accompagnato dal famoso brano di David Bowie 'Heroes', nella versione di Peter Gabriel.




L'azione si sposta nell'atrio della scuola, dove due grandi schermi olografici mostrano le parole 'CRESCI' e 'REALIZZATI'. Un banner rotante olografico proietta la scritta: "Buona giornata del Primo Contatto", indicando che l'episodio si svolge il 5 aprile di un anno non meglio identificato.

Lil e Kima sembrano essere due ragazzine tristi e solitarie, perché non le vediamo unirsi ai gruppetti di studenti che socializzano a pochi passi da loro. Kima si becca anche uno sguardo di disapprovazione dal Preside Vulcaniano, che la vede attardarsi verso la sua classe.

Arrivata in classe durante una lezione di cartografia, Kima si siede al suo banco colpendo di proposito la spalla di Lil, come aveva fatto lei stessa poco prima all'arrivo dello scuolabus. Per vendetta, la ragazzina umana disegnerà una caricatura dell'insegnante, facendola apparire sul quaderno olografico di Kima giusto mentre la prof. si avvicina alle sua spalle. La piccola aliena, punita con due punti di demerito, non è intenzionata a lasciar correre: poco dopo, nascosta fra gli scaffali di una biblioteca, farà uno sgambetto alla sua rivale facendola cadere a terra.

Da lì si passa direttamente alle maniere forti, con una vera e propria rissa fra le due, scoppiata tra i corridoi dell'istituto. Risultato? Punizione per entrambe.


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Mentre il Preside le passa accanto con aria severa, un messaggio d'allerta appare sul suo PAD personale, mentre un altro membro dello staff si affretta a raggiungerlo. I due convengono sul fatto di mostrare ciò che sta accadendo sullo schermo principale dell'atrio della scuola, dove immediatamente appare un servizio giornalistico della FNN (Federation News Network) che mostra un devastante attacco ai cantieri marziani, ad opera di strani caccia trapezoidali. La FNN mostra anche gruppi di residenti marziani in fuga fra le esplosioni.

La scena del bombardamento è molto simile a quella mostrata in uno dei recenti trailer di 'Star Trek: Picard', dove Jean-Luc appare (in un sogno?) nel Bar di Prora dell'Enterprise-D.


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Kima e Lil assistono con orrore a quanto sta accadendo sul pianeta rosso, mentre sullo schermo campeggia la scritta:

ATTACCO SU MARTE: Synth ostili attaccano Marte - 3000 morti stimati.


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Dopo aver mostrato la struttura orbitale marziana fatta a pezzi dai Synth, la FNN riporta la prima dichiarazione dell'Ammiraglio Picard, che definisce l'attacco: "Devastante".


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Kima e Lil non possono fare altro che cercare conforto l'una nell'altra, tenendosi per mano.


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Analisi


Questo corto è forse il più "meditativo" prodotto finora, con pochi dialoghi presentati per lo più sotto forma di messaggi, annunci dagli altoparlanti e così via. La storia si sviluppa principalmente per immagini, musica e recitazione silenziosa. Il tutto è vissuto dal punto di vista delle due ragazze, dove il mondo degli adulti appare un po' disconnesso e distante dalla realtà. Questa scelta cattura molto bene il senso di impotenza delle due giovani protagoniste, di fronte ai terribili eventi delle quali saranno testimoni alla fine del mini-episodio.

Sia Kima che Lil sono due ragazze solitarie, lontane dalle rispettive famiglie, in cerca di contatto con qualcun altro; un contatto che evidentemente all'inizio si sviluppa attraverso lo scontro, per attirare l'attenzione. Il brano di Bowie accompagna efficacemente questo crescendo lungo quasi tutto l'episodio, fino al momento in cui le due protagoniste si ritrovano in punizione, poco prima della tragedia.

In 'Children of Mars' probabilmente vediamo più ragazzini che in tutta la saga di 'Star Trek' nel suo complesso. Il corto rappresenta la prima vera rappresentazione di una scuola del 24° secolo terrestre, secondo il canon di 'Star Trek'. E' una vera rarità, considerando quanto scarne siano state le occasioni di mostrare la vita civile sulla Terra del futuro, in tutti questi anni. I precedenti si contano davvero sulle dita di una mano: il ristorante di Joseph Sisko (DS9), 'Non sequitur' (VOY) ed una manciata di oloproiezioni sparse qua e là (nei film 'Star Trek II' e 'Star Trek III' vediamo a tratti dei civili, ma in quel caso siamo ancora nel 23° secolo).


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


Il fatto che la vicenda si svolga durante la 'Giornata del Primo Contatto' è sicuramente una scelta simbolica, che da un lato serve a ricordare come sia stato l'arrivo di un attore esterno, extraterrestre, a risollevare materialmente e moralmente l'umanità dalle sue miserie e dall'altro stride volutamente con il vile attacco su Marte, che ricorda quello degli Xindi in 'Star Trek: Enterprise'. In entrambi i casi, il messaggio è che l'umanità può decidere di unirsi e cooperare, spinta dalla gioia o dal dolore (come in questo caso) e probabilmente sarà proprio questo il motore emotivo delle vicende che vedremo molto presto in 'Star Trek: Picard'.

A proposito di Picard, il corto testimonia che Jean-Luc - con il grado di Ammiraglio - è ancora un membro attivo della Flotta Stellare durante l'attacco su Marte. Sappiamo che 'Picard' sarà ambientato nel 2399, 13 anni dopo il suo congedo. Facendo due calcoli, possiamo ipotizzare che questo corto e l'attentato su Marte si svolgano dunque prima del 2386, e che proprio l'attacco dei Synth sia in qualche modo collegato alla decisione di Jean-Luc di appendere l'uniforme al chiodo.

Dai trailer pubblicati in passato, sappiamo che almeno un androide tipo-Soong (B4?) è stato dismesso e chiuso in un cassetto: che l'attentato marziano abbia prodotto un'ondata di odio anti-androide nell'opinione pubblica, tanto da spingere la Flotta Stellare a disattivare ogni forma di vita artificiale di tipo-Soong?


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


E possibile che la Flotta Stellare sia stata costretta a rivedere le sue decisioni in merito alla "misura di un uomo", stabilendo che - esseri senzienti o no - gli androidi sono troppo pericolosi per restare in circolazione? Che sia stato questo a spingere Picard a lasciare la Flotta Stellare, sbattendo la porta? E' questo l' "isolazionismo" della Flotta Stellare denunciato da Sir Patrick Stewart ed altri showrunner in interviste passate? O si riferisce piuttosto alla gestione della crisi migratoria romulana, che in questo corto non è stata accennata ma è il nodo centrale del fumetto prequel 'Star Trek: Picard - Countdown', tutt'ora in corso di pubblicazione?


Lo scopriremo fra pochi giorni, quando 'Star Trek: Picard' debutterà su Amazon Prime Video il 24 gennaio.


Degni di nota


  • Chissà se WSA (il nome della scuola frequentata da  Kima e Lil) sta per ' William Shnatner Academy'...?
  • Il Preside Vulcaniano è stato interpretato da Robert Verlaque, che ha già recitato nello 'Short Trek' intitolato 'La stella più brillante' nei panni di Aradar (il padre di Saru e Siranna).
  • Il banner olografico con la scritta "REALIZZATI", che campeggia nella hall principale della scuola, sembra avere per sfondo la celebre montagna del logo Paramount Pictures (con la quale CBS ha fatto finalmente "pace" dopo tanti anni).
  • La FNN (Federation News Network) è apparsa per la prima volta nel film 'Star Trek: Generazioni'.
  • Nell'episodio 'La Colonia' (VOY), Kathryn Janeway sottolinea che la 'Giornata del Primo Contatto' è tipicamente un giorno festivo nel quale non si va a scuola. Chissà perché gli studenti della WSA non hanno fatto vacanza?
  • La specie aliena di Kima ha gli occhi azzurro chiaro ed il sangue color blu.
  • Chissà se i Synth sono un consorzio di androidi che comprende non solo quelli tipo-Sooong (come Data), ma anche quelli tipo-Mudd e tipo-Korby?


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


  • Per motivi sconosciuti, nel bacino orbitale di Utopia Planitia la Flotta Stellare sta costruendo alcune navi dal tipico design del 23° secolo (stile 'Discovery'), nonostante la vicenda si svolga alla fine del 24°. Due sono di classe Magee (come la USS Cabot del mini-episodio 'Star Trek: Short Treks -The Trouble with Edward') ed altre due sembrano navi di supporto, come quelle che hanno trainato la malconcia Enterprise del Capitano Pike nell'episodio 'Fratello' di 'Discovery'.
  • Questo è il primo 'Short Trek' ad inserire la dicitura: "Basato su Star Trek: The Next Generation, creato da Gene Roddenberry", piuttosto che la classica: "Basato su Star Trek, creato da Gene Roddenberry." Inoltre, mostrando il titolo del corto, gli autori hanno omaggiato TNG utilizzando il font originale degli episodi di 'The Next Generation', piuttosto che quello tipico di 'Discovery', usato in tutti gli altri 'Short'. 


Nuova Serie, Patrick Stewart, Picard, Short Treks, Recensione, TG TREK Star Trek News Novità Notizie Italia


***

CBS non ha ancora comunicato i suoi piani per la distribuzione internazionale dei nuovi Short Treks.

Il primo gruppo di mini-episodi che ha preceduto la seconda stagione di Star Trek: Discovery, è stato distribuito su Netflix solo a serie conclusa. Se dovesse ripetersi lo stesso schema, i nuovi Short Treks potrebbero non arrivare in Italia prima del 9 gennaio 2020.

Star Trek: Discovery è distribuita in Italia su Netflix, che ha in catalogo la prima e la seconda stagione complete (più la mini-serie speciale Star Trek: Short Treks). La prima e la seconda stagione di Star Trek: Discovery sono anche disponibili in Home Video.

La terza stagione della serie debutterà nel corso del 2020.


Fonte: TrekMovieTrekCore




Nessun commento :